rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Sansepolcro Sansepolcro

Apre una sezione ipertecnologica: il museo del futuro è in provincia di Arezzo

Visitabile al pubblico Aboca Experience, la nuova sezione multimediale di Aboca Museum a Sansepolcro, nel rinascimentale Palazzo Bourbon del Monte

Apre al pubblico Aboca Experience, la nuova sezione multimediale di Aboca Museum a Sansepolcro, nel rinascimentale Palazzo Bourbon del Monte. "La sezione corporate, permanente, nasce - spiega una nota - dalla volontà di raccontare in modo empatico e coinvolgente l’azienda, la sua storia, i valori e il contributo innovativo al mondo della salute a un pubblico allargato di turisti, scuole e stakeholder. Aboca si affida allo studio milanese di interaction ed exhibition design Dotdotdot che progetta un percorso immersivo e interattivo, dove il visitatore è chiamato a interagire con le installazioni, facendo esperienza diretta dei contenuti sottesi alla realtà aziendale.

La nuova sezione multimediale dell'Aboca Museum

Aboca Experience non è una mostra né museo d'impresa tradizionale: è un ambiente che consente di esperire una diversa storia aziendale, in modo più coinvolgente e attraverso punti di vista inediti che il linguaggio del digitale e dell'interaction design consentono.

L’allestimento, che si distribuisce su cinque ambienti, è un percorso di scoperta attraverso proiezioni video, grafiche aumentate e contenuti interattivi, che si attivano a mezzo di interfacce fisiche e intuitive, che annullano la cosiddetta barriera tecnologica".

La progettazione ha richiesto un grande lavoro di sintesi dei contenuti, co-curati con l’ufficio comunicazione Aboca, per rendere la rappresentazione accessibile a un pubblico diversificato e la visita efficace anche dal punto di vista del tempo: dai percorsi brevi ai più approfonditi.

“Il nostro lavoro come progettisti”, spiega Laura Dellamotta, co-founder e general manager Dotdotdot, “è stato interpretare l’identità e la ricerca farmacologica dell’azienda e trasferirle in maniera emozionale e intuitiva. Non abbiamo puntato su installazioni sceniche dall’effetto ‘wow’, ma su un racconto coerente e coinvolgente, che invita le persone a esplorare i contenuti. Ciascun visitatore potrà gestire il proprio percorso di visita in un’esperienza unica e sempre diversa. Abbiamo concepito un allestimento di lunga vita, pensato per essere facilmente implementato e integrato con altri contenuti invogliando il visitatore a ritornare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre una sezione ipertecnologica: il museo del futuro è in provincia di Arezzo

ArezzoNotizie è in caricamento