Giovedì, 29 Luglio 2021
Sansepolcro

Lavoro pubblici a Sansepolcro. Forza Italia: "L'amministrazione Cornioli si dimena tra le polemiche emerse"

Il consigliere Tonino Giunti ed il coordinamento di Forza Italia-Sansepolcro intervengono sulla questione riguardante i lavori pubblici a Sansepolcro. "Si arriva a dei momenti nella vita politica che, pur contravvenendo a quello che è il detto...

Lavori in corso

Il consigliere Tonino Giunti ed il coordinamento di Forza Italia-Sansepolcro intervengono sulla questione riguardante i lavori pubblici a Sansepolcro.

"Si arriva a dei momenti nella vita politica che, pur contravvenendo a quello che è il detto "lascia che chi governa si cuocia nel suo brodo", non se ne può più e bisogna portare a conoscenza l'opinione pubblica di ciò che sta avvenendo.

Abbiamo presentato da soli e con la Lega la bellezza di sette interrogazioni ai consigli comunali prossimi di Sansepolcro.

Il primo riguarda le problematiche ancora irrisolte delle opere complementari al nuovo ponte sul Tevere che verrà realizzato quanto prima.

La nostra interrogazione riguarda sia l'aspetto di sistemazione del rialzo arginale a protezione delle strade comunali che conducono al ponte in caso di piena: non ci convince la progettazione troppo limitata del rialzo. Non vorremmo che avvenga anche a Sansepolcro come a San Giustino che, al momento del disastro del muro della diga, si chiuse anche il ponte tra Selci e Pistrino, "nuovissimo", solo perché le strade di accesso al ponte non erano protette a sufficienza dalla piena. Non ci piace nemmeno la sistemazione della Reglia che diverrà un nastro di acqua parallelo a via dei Banchetti, a cielo aperto e larga più di sei metri.

Quello che più ci ha stupiti è la dichiarazione dell'assessore Marzi che ha elencato, proprio in questi giorni, tutta una serie di problematiche sia logistiche che economiche che presenta il progetto, asserendo che lo studio dei flussi di traffico verrà fatto quando sarà completata la struttura del ponte.

Sembra di rivivere il secondo atto "della rotatoria". Il consigliere Giunti dopo una settimana dall'inizio dei lavori dell'opera presentò un'interrogazione all'assessore Marzi contestando l'opera con i suoi difetti. La risposta fu: - Aspettiamo che finiscano i lavori e poi interveniamo. Quindi non preoccupiamoci, se non va bene qualcosa nella realizzazione del ponte allora poi loro interverranno. Ma con quali soldi?

Forse la gente non sa che nello stato patrimoniale attivo del Comune alla voce beni demaniali (proprietà del Comune) sono stati messi anche i valori delle infrastrutture stradali.

Lo impone la legge".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro pubblici a Sansepolcro. Forza Italia: "L'amministrazione Cornioli si dimena tra le polemiche emerse"

ArezzoNotizie è in caricamento