menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Area ex Boninsegni, Laurenzi (Pd): "Il progetto di riqualificazione deve essere messo al centro del dibattito"

Il capogruppo di Pd-InComune: "Il piano strutturale e il regolamento urbanistico hanno previsto per quella zona uno sviluppo a prevalenza industriale e artigianale"

Lunedì 23 novembre si è svolta la riunione congiunta delle commissioni consiliari urbanistica e attività produttive, convocate a seguito della richiesta presentata dal gruppo PD-InComune per discutere dell’intervento previsto nell’area ex Boninsegni. 

Sono soddisfatto che la nostra richiesta sia stata accolta perché non ci si può sottrarre alla partecipazione e alla discussione quando ci sono al vaglio progetti di questa portata - sostiene il capogruppo Laurenzi che prosegue - Nei prossimi giorni verrà presentato ufficialmente il progetto per la riqualificazione di una vasta area all’ingresso della città, quella comunemente identificata come ex Boninsegni. Non lo conosciamo ancora nel dettaglio, ma siamo consapevoli che avrà un forte impatto nella definizione del profilo urbanistico di Sansepolcro: per questo riteniamo che debba essere messo al centro del dibattito pubblico. Ritengo che l’impegno di alcuni imprenditori nella riqualificazione dell’area sia un fatto rilevante e positivo, purchè avvenga non solo nel rispetto delle regole, ma in conformità con gli strumenti di pianificazione di cui la città si è dotata negli anni

Il piano strutturale e il regolamento urbanistico hanno previsto per quella zona uno sviluppo a prevalenza industriale e artigianale, sottolineando come il commercio dovesse avere una sua implementazione soprattutto nel centro storico e nelle zone abitate limitrofe, con strutture di vendita piccole e medie e attività di vicinato. Oggi più che mai, in un periodo storico in cui le parole sviluppo e commercio sembrano un ossimoro, occorre fare scelte nette a vantaggio del nostro centro storico e delle attività che lo animano.  Certo, questo non si fa solo con una strategia difensiva o ostruzionista, che non permetta nuove concorrenze, ma necessita di investimenti e progettualità per valorizzare decoro e vitalità all’interno delle mura urbane. Non possiamo, però, permetterci interpretazioni estensive o a “maglie larghe” del regolamento urbanistico tali da eludere una visione condivisa e stratificata su Sansepolcro”.

Laurenzi conclude con una esortazione: “Per questo il Consiglio si è impegnato, non solo a far visionare il progetto in sede di commissione, ma a aprire un dibattito pubblico e partecipato con tutti gli stakeholders anche in previsione di programmazioni urbanistiche future. Il sindaco e la giunta hanno preso l’impegno di interpretare in maniera autentica il regolamento urbanistico, un modo per dire che nell’area in oggetto e nelle altre aree di natura industriale il commercio deve essere solamente previsto a servizio di queste e non in modo prevalente, nel famoso equilibrio 80/20 che fa 100, cioè che ha senso di esistere solo ed esclusivamente nella sua totalità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
ArezzoNotizie è in caricamento