Sansepolcro

Insieme Possiamo: "Il Comune di Sansepolcro dovrebbe incentivare l'acquisto di auto ecologiche"

Nota stampa di Insieme Possiamo, a proposito della mozione sulla mobilità elettrica approvata dal Consiglio comunale di Sansepolcro nella seduta del 31 maggio

"La mozione sulla mobilità elettrica approvata dal Consiglio Comunale ci ha permesso di trattare un tema che in questi cinque anni non è stato molto presente nel dibattito consiliare. Se da una parte l’amministrazione comunale ha agito nella direzione di attivare la prima colonnina di ricarica pubblica per auto elettriche a Sansepolcro, nel parcheggio di viale Vittorio Veneto, dall’altra sarebbe necessario acquistare o noleggiare solo auto considerate ecologiche come quelle elettriche o a metano. Quest’ultimo aspetto dovrebbe essere un dovere morale di un ente pubblico e non solo un indirizzo approvato dal Consiglio Comunale nelle scorse consiliature". Attacca così una nota stampa di Insieme Possiamo, a proposito della mozione sulla mobilità elettrica approvata dal Consiglio comunale di Sansepolcro nella seduta del 31 maggio.

"Apprezzare l’atto politico di Rivi non ci può esimere dal sottolineare alcune carenze che secondo noi devono essere comprese nella rotta che si intende seguire. Facendo i conti con la realtà, oggi la mobilità elettrica paga alcune problematiche evidenti. Nonostante gli incentivi statali il prezzo di un veicolo rimane molto elevato, il costo delle ricariche non è affatto competitivo rispetto agli altri carburanti, il problema dello smaltimento delle batterie non viene mai approfondito, così come quello della produzione di elettricità da centrali a carbone o addirittura bruciando benzina. La carenza di infrastrutture di ricarica in molti luoghi, non solo a Sansepolcro, è evidente. Su questo ultimo aspetto verte la mozione, ma pure le attenzioni della società Estra di cui il Comune è azionista attraverso Coingas. Naturalmente questo non significa non prendere in considerazione anche soggetti privati e tra l’altro nel nostro territorio ci sono più realtà che lavorano nel mondo delle infrastrutture legate alla mobilità elettrica. Secondo noi un’amministrazione comunale dovrebbe fare tutto il possibile per incentivare la mobilità alimentata da carburanti alternativi a benzina e gasolio, ma non per forza condannare quelli di origine fossile come il gas naturale. Quest’ultimo lo si trova in natura o lo si produce, con il nome di biogas, anche attraverso rifiuti e scarti alimentari. Ancora una volta il nostro territorio eccelle in questo campo avendo più di una stazione di rifornimento di metano, molti installatori e due aziende di caratura nazionale legate alla trasformazione di auto, furgoni e camion verso i carburanti a base di gas naturale. Ad oggi un’azione amministrativa seria dovrebbe prendere atto delle debolezze del mondo dell’elettrico e agire di conseguenza, favorendo tutto ciò che è ecologico ed economico per il cittadino, dando l’esempio con il proprio parco auto e sensibilizzando l’opinione pubblica in una direzione di eco-sostenibilità maggiore e soprattutto realistica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insieme Possiamo: "Il Comune di Sansepolcro dovrebbe incentivare l'acquisto di auto ecologiche"

ArezzoNotizie è in caricamento