rotate-mobile
Sansepolcro Sansepolcro

Fuori strada con l'auto, perdono la vita quattro ragazzi. Erano diretti a Sansepolcro

Tutti fra i 22 ed i 17 anni: lo schianto al ponte di in via Umbra

Doveva essere una serata all'insegna dell'allegria e del divertimento a Sansepolcro, invece si è trasformata in una giornata nera, come la notte che li ha inghiottiti. Sgomento e rabbia, desolazione e tristezza per una tragedia come questa. Lacrime, tante lacrime per Natasha Baldacci, Gabriele Marghi e Nico Dolfi, tutti di 22 anni, e Luana Ballini, di 17. Quattro ragazzi che hanno perso la vita in un drammatico incidente, avvenuto lungo via Umbra - Tiberina Tre Bis, contro la base di un ponte.

Era da poco passata l'una della notte fra venerdì e sabato quando i quattro a bordo di una fiat Punto provenienti da Città di Castello - dove avevano preso parte alla festa per un diciottesimo compleanno di un compagno di classe di Luana Ballini - si stavano dirigendo verso Sansepolcro per concludere la serata.

L'auto, arrivata nella zona dell'Altomare, l'area industriale di san Giustino, ha perso il controllo: le due ruote di destra sono finite in un canale di scolo per le acque e poi lo schianto. I quattro a bordo del veicolo sono finiti contro la base del ponte. Alcune passanti hanno visto l'auto accartocciata contro la struttura e hanno chiamato i soccorsi: immediatamente è scattato il codice rosso.

In pochi minuti sono arrivati i carabinieri della compagnia di Città di Castello, coordinati dal luogotenente Fabrizio Capalti, insieme ai vigili del fuoco e i medici del 118. I corpi, ormai senza vita, sono stati estratti dalle lamiere contorte dell'auto: i medici hanno potuto constatare solamente il decesso per i quattro giovanissimi. I militari hanno contattato il pm di turno, dottor Paolo Abbritti, che ha già dato il nulla osta per la riconsegna delle salme di Gabriele Marghi, Nico Dolfi e Luana Ballini alle famiglie e per latarda serata du oggi verranno allestite le camere ardenti. Ci vorrà ancora del tempo per quello di Natasha Baldacci.

Cordoglio del  Comune di Sansepolcro

La tragica notizia della morte di quattro giovani nella notte fra venerdì e sabato alle porte di San Giustino, ha scosso l’intera comunità tiberina, senza distinzione di confini geografici. “Un profondo dolore” commenta il sindaco di Sansepolcro Fabrizio Innocenti “che segna anche la nostra realtà. Quattro giovani vite spezzate dal destino in una serata che doveva essere di festa. Soprattutto fra ragazzi che abitano a Sansepolcro, a San Giustino, a Città di Castello o in altri centri della Valtiberina, non esistono steccati e la frequentazione reciproca è consuetudine. Per questo la loro scomparsa ci tocca da vicino. A nome dell’amministrazione comunale, e certo di interpretare anche i sentimenti della nostra gente, esprimo massima vicinanza al Comune di Città di Castello e all’intera comunità dell’Altotevere Umbro così duramente colpita. E ai familiari dei giovani, straziati dal dolore, vadano le nostre più sentite condoglianze e il nostro più caloroso abbraccio”.   

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fuori strada con l'auto, perdono la vita quattro ragazzi. Erano diretti a Sansepolcro

ArezzoNotizie è in caricamento