Sansepolcro

Ghiaccio sulla E78, Cornioli: "Mancanza di prevenzione. Situazione inaccettabile"

La presa di posizione dopo l'incidente di questa mattina nei pressi di Palazzo del Pero.

Un incidente stradale, veicoli a passo d'uomo, strada ghiacciata e pesanti disagi per gli automobilisti nel principale collegamento tra Arezzo e la Valtiberina. Il bilancio della viabilità lungo la E78 nella mattinata odierna è di quelli fortemente negativi. L’amministrazione comunale di Sansepolcro, in una nota, evidenzia le pesanti lacune nella prevenzione e nei controlli da parte degli organi incaricati della manutenzione di questa strada.

“Una situazione inaccettabile – dichiara il primo cittadino Mauro Cornioli – Una normale mattina di ghiaccio si è trasformata in un incubo per i tantissimi automobilisti, molti dei quali nostri concittadini, che percorrono questa strada ogni giorno per raggiungere il capoluogo aretino. Le problematiche della E78 in termini di sicurezza sono sotto gli occhi di tutti, tra continue deviazioni e pessime condizioni del fondo stradale. Ciò che è successo questa mattina ha messo in evidenza la totale inadeguatezza in termini di prevenzione da parte di Anas. Una pesante mancanza di rispetto verso l’intero territorio.”

Anche dal Comune di Citerna arrivano rimostranze rispetto a questo tipo di manutenzione. A sottolinearle è il consigliere Gianluca Cirignoni che in una nota spiega: 

Da 3 mesi a tutt’oggi  questi poco più di 10 km a quattro corsie sono stati completamente chiusi per oltre un mese tra Le ville e Palazzo del Pero, poi sono stati riaperti parzialmente con salto di carreggiata in direzione Arezzo, poi sono stati riaperti totalmente a quattro corsie e adesso da qualche giorno è stato ripristinanto il salto di carreggiata verso Arezzo con chiusura dell’uscita Palazzo del Pero e si stanno eseguendo importanti lavori di riasfaltatura che a me comune cittadino parevano conclusi da neanche una settimana.  Ovviamente sul cantiere non è visibile  nessun cartello informativo sui  lavori in barba alle regole. Unica nota informativa è quella reperibile sul sito internet di  Anas dalla quale si apprende che il lalvori da oltre 2 milioni di euro dovevano essere consegnati il 6/12. In mancanza dei gilet-gialli confido nella magistratura. Ma dovrebbero essere anche gli altri amministratori a inviare esposti alla Procura di Arezzo, io l'ho fatto molte volte in passato, adesso servono anche altre voci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ghiaccio sulla E78, Cornioli: "Mancanza di prevenzione. Situazione inaccettabile"

ArezzoNotizie è in caricamento