rotate-mobile
Sansepolcro Sansepolcro

Sansepolcro, ''Come parlare della guerra ai bambini": artiste ucraine in scena

Anteprima del lavoro della compagnia del Theater on Mikhailovskaya di Kiev

''Come parlare della guerra ai bambini" è il titolo dello spettacolo che le artiste di Kiev Polina Chebanu, Yuliana Kozlovets, Yeva Kozlovets, Lidiia Kuznietsova metteranno in scena martedì (17 maggio) a partire dalle 21 al Teatro alla Misericordia.

L'occasione è la serata di incontro, organizzata da CapoTrave/Kilowatt. con la compagnia di artiste ucraine che da alcune settimane sono in residenza artistica a Sansepolcro.

L’associazione biturgense, diretta da Lucia Franchi e Luca Ricci ha aderito all’appello lanciato dal network europeo Ietm (International network for contemporary performing arts, una piattaforma di incontro e scambio per gli operatori delle arti), per creare una rete di sostegno per le compagnie ucraine. CapoTrave/Kilowatt si è così subito attivata, grazie a un piccolo investimento ministeriale, a fondi propri e alla decisione della rete europea Be SpectACTive! di cui è partner capofila. E così nei giorni scorsi sono arrivate in Valtiberina le artiste del Theater on Mikhailovskaya (Polina Chebanu, Yuliana Kozlovets, Yeva Kozlovets, Lidiia Kuznietsova) che rimarranno in residenza artistica a Sansepolcro, al Teatro alla Misericordia.

"Volevamo accogliere queste persone non come profughe, ma come artiste, offrendo loro un salario, un teatro ben attrezzato dove lavorare e uno spazio di accoglienza bello e nuovo come La Casa degli Artisti di via dei Balestrieri. Certo questo nostro gesto non fermerà la guerra, ma speriamo che serva almeno a ribadire la vocazione di Sansepolcro come città dell'accoglienza, della pace e dell'amicizia tra i popoli" – dichiarano Franchi e Ricci.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sansepolcro, ''Come parlare della guerra ai bambini": artiste ucraine in scena

ArezzoNotizie è in caricamento