Montevarchi

Consolle e smartphone in vendita online a prezzi stracciati, ma era una truffa

Due persone denunciate dalla vittima dei raggiri che dopo aver versato una cospicua caparra non si è vista recapitare i prodotti acquistati

Due indagini lampo condotte dai Carabinieri in servizio alla Stazione di Castelfranco Piandiscò e a quella di Montevarchi hanno permesso di fermare due truffatori che mettevano a segno i loro colpi su Internet.
In entrambi i casi, gli investigatori hanno evidenziato lo stesso modus operandi: prima la pubblicazione di una inserzione su una piattaforma digitale di vendite online, proponendo in vendita un oggetto particolarmente ambito, a un prezzo particolarmente vantaggioso.

"Una volta ricevuta la manifestazione d’interesse - spiegano i militari dell'Arma -, al malcapitato di turno viene richiesto un pagamento anticipato, salvo poi trovarsi di fronte alla brutta sorpresa: la merce non verrà mai consegnata".

Stavolta però è andata male ai truffatori che sono stati smascherati e denunciati all’Autorità Giudiziaria dai Carabinieri delle due Stazioni valdarnesi. Si tratta di due uomini originari delle province di Napoli e Catania, che avevano pubblicato falsi annunci inerenti la vendita in un caso di una popolare consolle di videogiochi, nell'altro di un o smartphone, traendo in inganno le due ignare vittime ed inducendole a versare anticipatamente il prezzo richiesto, per un totale di quasi 1.000 euro (circa 350 euro per la consolle, e circa 550 euro per lo smartphone).

"L’approfondita analisi delle informazioni fornite dalla vittima in sede di denuncia - spiegano i carabinieri - è risultata cruciale per la ricostruzione del circuito truffaldino, incentrato, questa volta, sulla proposta di vendita".

Dopo una serie di accurati accertamenti elettronici e bancari, infatti, gli investigatori dell’Arma dei Carabinieri hanno ricostruito come gli indagati, dopo aver preso contatti con la vittima di turno, fossero riusciti a convincerla ad accreditare la somma pattuita su una carta prepagata, salvo poi scomparire nel nulla, facendo perdere traccia di sé e della consolle, che ovviamente non è mai giunta a destinazione.
I due – che sono entrambi gravati da precedenti di polizia per analoghi delitti – sono stati deferiti in stato di libertà alla procura della Repubblica di Arezzo.

"L’evoluzione tecnologica – che è chiaramente un aspetto positivo dei tempi moderni – ha infatti purtroppo portato negli ultimi anni ad un vertiginoso incremento di questo tipo di reati - avvertono i Carabinieri -. L’interazione a distanza, sfortunatamente, pare rendere più spregiudicati i malintenzionati, oltre che più vulnerabili le vittime designate. A tal riguardo, emerge ancora una volta la necessità che i cittadini valutino con attenzione tutte quelle situazioni in cui si trovano di fronte ad offerte troppo convenienti, dietro le quali spesso si celano malintenzionati dediti alle truffe".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consolle e smartphone in vendita online a prezzi stracciati, ma era una truffa

ArezzoNotizie è in caricamento