MontevarchiNotizie

Ripartono i test sierologici gratuiti per gli studenti di Montevarchi

L’iniziativa si svolgerà sabato 24 ottobre, dalle ore 9 alle ore 16,15, presso la Scuola Primaria L. da Vinci (Giglio) e la Scuola dell’Infanzia F.lli Grimm di Levane, mentre sabato 31 ottobre, allo stesso orario, presso la scuola Primaria L. da Vinci

Da sinistra: Giuseppe Bistoni, Silvia Chiassai, Alberto Biagini

Ripartono i test sierologici gratuiti, su base volontaria, per gli studenti delle scuole Primarie, Secondarie di I e di II grado del territorio comunale montevarchino e per gli studenti di Montevarchi che frequentano altri Istituti scolastici. L’iniziativa si svolgerà con il personale medico ed infermieristico del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana, sabato 24 ottobre, dalle ore 9 alle ore 16,15, presso la Scuola Primaria L. da Vinci (Giglio) e la Scuola dell’Infanzia Flli Grimm di Levane, mentre sabato 31 ottobre, allo stesso orario, presso la scuola Primaria L. da Vinci. La novità rispetto alla prima tornata di test consiste nell’opportunità di prenotazione tramite un portale on- line, donato al Comune dall’azienda Lascaux che si occupa di innovazione digitale.

“Il Comune si  è riattivato per la seconda volta per lo screening con i test sierologici per avere una consapevolezza maggiore dello stato di salute degli studenti visto anche l’aumento, che era prevedibile, del numero dei contagi e dell’attuale inadeguatezza gestionale dove tanti cittadini si sentono abbandonati. Le famiglie messe in isolamento per un contatto stretto Covid  non riescono ad avere un riscontro certo sulla condizione dei figli,  non riescono a sapere se e quando verranno sottoposti a tampone, generando anche dei rischi importanti non avendo gli stessi genitori o fratelli l’obbligo di restare a casa. Una situazione di incertezza dove l’azione di screening intrapresa dall’Amministrazione comunale diventa un sostegno concreto alla tutela della salute con la possibilità, nel caso che il sierologico risulti positivo, di avviare subito la procedura per il tampone molecolare da parte del Pediatra o del Medico Curante. Grazie ai fondi covid raccolti dalla cittadina, grazie all’iniziativa della Curva Sud, Aquila Calcio, Memorie Rossoblu e Avis, in settimana arriveranno anche 1.000 tamponi rapidi che permetteranno di effettuare uno screening ancora più accurato alla cittadinanza, sempre a titolo gratuito, pensando soprattutto alla scuola e alle famiglie. Nel momento in cui le classi vengono messe in quarantena, i cittadini di Montevarchi potranno usufruire dei tamponi rapidi come del resto le nuove misure del Governo e della Regione hanno previsto ed i Pediatri potranno sulla base dell’esito effettuare il certificato medico per il rientro a scuola o l’isolamento in caso di positività con presa in carico anche dei familiari. Come Amministrazione siamo orgogliosi di essere, ancora una volta,  avanti rispetto anche alle decisioni prese a livello governativo e regionale  offrendo un aiuto alla sua comunità. Un’opportunità che va a colmare le ingiustificabili mancanze di un servizio sanitario non in grado di organizzarsi quando tutti sapevano dell’arrivo in autunno di una seconda ondata di contagi, perdendo diversi mesi di tempo senza acquistare i tamponi  che servono alla popolazione ed aumentare il personale. Ricordo inoltre l’importanza della vaccinazione antinfluenzale, quindi mi auguro che la Regione Toscana abbia a disposizione un quantitativo di dosi sufficiente, perché sicuramente rappresenta un altro aspetto fondamentale nel contrasto al Covid  per le fasce più a rischio ma anche per gli studenti. I tamponi rapidi del Comune di Montevarchi saranno a disposizione anche per gli over 60 e per i soggetti più fragili , sempre potendo contare sul portale on –line di prenotazione per i test che sta riscuotendo l’apprezzamento della cittadinanza.  Anche con questo sistema, siamo stati precursori rispetto a quanto effettuato alla Asl, proponendo soluzioni utili che poi vengono recepite anche dal sistema sanitario pubblico”.

Il fondatore di Lascaux, Giuseppe Bistoni, aggiunge: “Oggi più che nel recente passato, la trasformazione digitale rappresenta un valido aiuto per la vita di ogni giorno e per il proprio lavoro. AskMe Desk, la piattaforma operativa di Workflow e Service Management di Lascaux, ha proprio questo obiettivo: semplificare i processi per una maggiore efficienza aziendale e quindi facilitare il loro utilizzo da parte delle persone. La soluzione ASKMe Desk  è utilizzata per la prenotazione dei test sierologici gratuiti per gli studenti.  Prenotazione online e accesso semplificato. Questo è un valido esempio di come la tecnologia possa aiutare gli enti pubblici. Vorrei inoltre evidenziare il fatto che Lascaux ha concesso gratuitamente la licenza per l'utilizzo del servizio, facendolo di fatto rientrare nelle misure benefiche della solidarietà digitale. Crediamo, infatti, che sostenere gli enti pubblici in questo momento di crisi, significhi sostenere il Paese. E le aziende possono fare la loro parte” 

Il capitano della Croce Rossa Italiana Alberto Biagini“Con lo spirito di umanità che spinge i nostri uomini e le nostre donne, saremo presenti sul territorio con i medici e le infermiere volontarie nella campagna di prevenzione che il Comune di Montevarchi con tanta cura è riuscita ad offrire ai cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento