MontevarchiNotizie

Tamponi gratis per i residenti del Comune di Montevarchi, continua la campagna. Ecco come prenotarsi

Il sindaco Silvia Chiassai Martini dice: “Stiamo offrendo un servizio gratuito di test antigenici rapidi che si è dimostrato estremamente necessario per tanti cittadini"

Continua la campagna per i test antigenici rapidi che il Comune di Montevarchi sta effettuando ai suoi cittadini in collaborazione con gli operatori sanitari del Corpo Militare Cri. Il sindaco Silvia Chiassai Martini dice: “Stiamo offrendo un servizio gratuito di test antigenici rapidi che si è dimostrato estremamente necessario per tanti cittadini. Un impegno portato avanti in  sinergia con tutti i promotori del Fondo Emergenza Coronavirus, Curva Sud, Associazione Memorie Rossoblu, Aquila Calcio, Avis di cui siamo molto orgogliosi. Per la prima volta, la settimana scorsa, abbiamo sperimentato l’efficacia del Drive Through avvalendoci della preziosa collaborazione del personale medico e infermieristico del Corpo Militare volontario della Croce Rossa Italiana che ha registrato tanta affluenza, testimoniata dall’effettuazione di 332 tamponi rapidi e l’individuazione di 8 casi positivi. Vista l’utilità e l’interesse della popolazione, riparte il servizio nei giorni di giovedì 19 e sabato 21 novembre, dalle ore 9.00 alle 13.30, sempre tramite prenotazione on line obbligatoria, riservata ai residenti nel comune di Montevarchi (https://comunemontevarchi-tamponirapidi.deskpa.it). Continua anche la possibilità di effettuate il tampone rapido, sempre gratuito, contattando l’Istituto Gaetano Palloni, al numero 391-3779342, dalle ore 12.00 alle 14.00, per avere un appuntamento rivolto sopratutto alle face di popolazione più a rischio, come anziani o categorie più fragili. Qui sono stati effettuati 120 tamponi rapidi, con un riscontro di 9 positivi. La nostra attenzione è indirizzata, in particolare, al mondo della scuola in cui le classi e il corpo docente continuano ad essere messi in quarantena coinvolgendo le rispettive famiglie con un percorso complesso e pieno di difficoltà. Ci siamo mobilitati  per dare un aiuto concreto nella gestione del fenomeno pandemico in una provincia dove il numero dei contagi è molto elevato rispetto ad altre realtà regionali . L’obiettivo è un sostegno al territorio, alla salute pubblica, ma anche un impegno per dare risposte certe alle famiglie affinché non si sentano più sole in un momento così difficile. Al tempo stesso, ritengo che un intervento simile contribuisca fattivamente ad una maggiore tracciabilità sulla popolazione e sui soggetti sottoposti a provvedimento di quarantena i cui familiari non hanno l’obbligo del tampone e possono rappresentare un rischio elevato di contagio. Il mio invito è quello di usufruire di questo servizio in modo che ognuno possa avere la consapevolezza del suo stato di salute e contenere il rischio di diffusione del virus. Il nostro impegno andrà avanti in questa direzione avendo deciso di acquistare altri 4.000 tamponi per non trovarci impreparati e per soddisfare un bisogno che la comunità, purtroppo, continuerà ad avere anche nei prossimi mesi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento