menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pd di Montevarchi: "Adesso la Regione 'rossa' non più nemica del Comune"

I consiglieri di opposizione: "Adesso che ha finanziato con 500mila euro la nuova scuola, la frana sulla strada di Moncioni, la ristrutturazione del Palazzetto dello Sport e del plesso scolastico di Levane diventa improvvisamente un valido partner"

Nota del Pd di Montevarchi.

Scuola di Levanella. Dunque la Regione Toscana a guida Pd non è più il nemico del Sindaco Chiassai, adesso la Regione 'rossa' che ha finanziato con 500mila euro la nuova scuola, la frana sulla strada di Moncioni, la ristrutturazione del Palazzetto dello Sport e del plesso scolastico di Levane diventa improvvisamente un valido partner. Ne prendiamo atto.

La sensibilità dimostrata dagli Assessorati regionali per Montevarchi e le sue problematiche è evidente, anche perché per il momento la Giunta Chiassai ha stanziato dalle casse comunali solo briciole per le opere pubbliche, molto di più per la comunicazione, le assistenti personali, le campagne pubblicitarie e costosi eventi vari con l'immagine della stessa Chiassai in bella evidenza.

Ora per il bene degli alunni di Levanella ci auguriamo che alla pubblica promessa del sindaco Chiassai di una nuova scuola entro il 2020, seguano celermente tutti gli atti amministrativi concreti: stanziamento a bilancio comunale del milione e 200mila euro che manca per il finanziamento, localizzazione definitiva condivisa con la popolazione locale, variante urbanistica, progetto definitivo, bando pubblico per l'appalto, realizzazione in tempi certi.

Da parte nostra daremo tutto il nostro appoggio per ridare una scuola alla comunità di Levanella nel più breve tempo possibile, anche nel corso del prossimo anno scolastico se fosse possibile, perché questa è la priorità.

Di tempo (e soldi) tra studi di fattibilità, varianti urbanistiche lasciate cadere e continui cambi di rotta ed indecisioni il Sindaco Chiassai ne ha perso anche troppo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento