MontevarchiNotizie

"Ho preso la patente in Moldavia", ma il documento è falso. Condannato, scappa: rintracciato e arrestato

I militari della stazione di Montevarchi hanno arrestato un cittadino rumeno sessantenne, ricercato dallo scorso agosto per scontare una condanna ad un anno di reclusione

I militari della stazione di Montevarchi hanno tratto in arresto un cittadino rumeno sessantenne, ricercato dallo scorso agosto dall’Autorità Giudiziaria di quel Paese per scontare una condanna ad un anno di reclusione, per possesso di documenti contraffatti e false dichiarazioni sulla propria identità.

I reati risalgono a circa quattro anni fa, quando l’uomo, che all’epoca si trovava in Romania, nel corso di un normale controllo, era stato sorpreso in possesso di una patente falsa. Vistosi scoperto, aveva affermato di aver regolarmente conseguito la licenza di guida in Moldavia, dichiarazioni poi rivelatesi, nel corso delle indagini, del tutto infondate.

All’esito del processo – conclusosi nello scorso agosto – l’uomo è stato riconosciuto colpevole e condannato a un anno di reclusione, risultando però, all’atto delle ricerche, irreperibile sul territorio rumeno. Ipotizzando che potesse aver cercato rifugio all’estero, la Corte Distrettuale di Alba (Romania) emetteva così a metà agosto un Mandato di Arresto Europeo, internazionalizzando il provvedimento di cattura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle ricerche venivano conseguentemente coinvolti i Carabinieri di Montevarchi, che, effettuati i primi accertamenti investigativi, hanno acquisito la certezza che il ricercato si trovasse effettivamente sul proprio territorio di competenza. Nella scorsa serata, pertanto, i Carabinieri lo hanno rintracciato nella sua abitazione, identificato e condotto in caserma. Qui, dopo aver ricevuto il provvedimento di cattura attraverso i canali di cooperazione internazionale di polizia, lo hanno dichiarato in arresto, traducendolo presso la casa circondariale di Firenze ove rimarrà fino all’estradizione nel suo Paese di origine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • Covid, Asl: "Si semplifica la complicata vita del positivo e del contatto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento