Martedì, 22 Giugno 2021
Montevarchi

Distrae il parrucchiere e gli ruba il portafoglio

Denunciato dai carabinieri di Levane: l'uomo aveva tentato altri due colpi simili ma gli era andata male. E' stato incastrato grazie alle telecamere

Immagine tratta da Pixabay

Controlli serali dai parte dei Carabinieri della compagnia di San Giovanni Valdarno in centro storico a Montevarchi e zone limiterofe nella settimana in cui il coprifuoco si è spostato di un’ora in avanti: il servizio che si è protratto oltre la mezzanotte, per verificare il rispetto del “nuovo” coprifuoco è stato condotto con un’unità cinofila del Nucleo specializzato di Firenze, un cane pastore belga femmina, addestrata per scovare la droga sia all’aperto che in locali chiusi. Sono state controllate svariate decine di autovetture, identificati i relativi occupanti e sono state fatte multe per violazioni al codice della strada a due persone sorprese mentre guidavano parlando al telefono, compiendo manovre pericolose. Sono stati inoltre controllati vari locali in piazza Donatori di Sangue, piazza Mazzini e sotto le logge.

Sempre con riguardo a Montevarchi, ieri è giunta a conclusione un’indagine della stazione Carabinieri di Levane, che ha consentito di identificare e deferire in stato di libertà un ladro seriale. Si tratta di un pregiudicato di origini campane, ma da tempo trapiantato in Valdarno, che negli ultimi giorni ha commesso alcuni furti di contanti negli esercizi commerciali di Levanella e del centro storico. Mentre nei primi due casi il malfattore era stato scoperto dalle vittime, e messo in fuga, nel terzo caso - un furto di alcune centinaia di euro ai danni di un negozio di parrucchiere del centro storico - il colpo era riuscito. L'uomo aveva infatti sottratto un portafogli al titolare, contenente il denaro e svariate tessere personali. La ricostruzione investigativa operata militari culminata ieri con la denuncia alla Procura di Arezzo ha consentito di appurare che, in tutti e tre i casi, il soggetto coinvolto era il medesimo.

Identico il modus operandi, col malfattore che cercava di distogliere l’attenzione dei titolari con domande pretestuose. Nel volgere di poche ore, ottenute le informazioni da parte dei testimoni e dopo l’analisi delle immagini dei circuiti di videosorveglianza pubblici e privati installati nelle aree ove si sono verificati i fatti, per agli investigatori è stato possibile giungere all'identificazione del reo, un soggetto peraltro già gravato da svariati analoghi precedenti. L’uomo è stato conseguentemente denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Arezzo per furto aggravato e per duplice tentato furto aggravato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Distrae il parrucchiere e gli ruba il portafoglio

ArezzoNotizie è in caricamento