MontevarchiNotizie

Foro Varchi, Chiassai risponde al Pd: "Abbiamo già preso contatti per la ripulitura"

"Le ordinanze di intervento presso aree private devono essere motivate dalla Asl per questioni di carattere igenico- sanitarie con la richiesta di procedere tramite il settore ambiente"

“Voglio rassicurare il Pd cittadino, diventato improvvisamente così attento al decoro urbano, che il Comune si era già mosso presso i privati per chiedere la ripulitura dell’area del Foro Varchi non di competenza comunale"  così il sindaco di Montevarchi, Silvia Chiassai Martini  risponde al Pd che nei giorni scorsi era intervenuto in merito alle condizioni dell'area.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Capisco la ricerca ossessiva di visibilità, ma  anche stavolta arrivano in ritado così come è accaduto di recente per piazza Cesare Battisti  con la pubblicazione di foto con accuse di sporcizia avvenuta dopo l’intervento di pulizia già ultimato e con l’ottimo lavoro effettuato anche dall’attività privata presente nell’area. Di sicuro simili atteggiamenti non vanno certo nella direzione di tutelare  una città e i suoi cittadini e contribuiscono solo ad alimentare, per fini politici, la diffusione di una cattiva immagine che Montevarchi non si merita, proprio in rapporto al decoro riscontrato anche negli altri comuni del territorio. Visto che il Pd può vantare tra le sue fila ex amministratori e attuali consiglieri comunali dovrebbe poi sapere che in ogni caso le ordinanze di intervento presso aree private devono essere motivate dalla Asl per questioni di carattere igenico- sanitarie con la richiesta di procedere tramite il settore ambiente. Altra cosa invece sono le ordinanze legate al verde di proprietà privata in cui il Comune interviene quando le cattive condizioni diventano di ostacolo o pericolose per la circolazione dei veicoli e per l’incolumità pubblica. Per quanto riguarda questa amministrazione comunale, stiamo facendo sforzi enormi  per investire soprattutto sul cambiamento culturale basato sul decoro e sul rispetto delle regole dovendo fare i conti con il deserto da cui siamo partiti, con le enormi criticità riscontrate in tutti gli ambienti della città e con le risorse economiche a disposizione”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ancora 480 positivi in Toscana. Un quinto nell'Aretino: c'è anche un decesso

  • Covid: 78 nuovi casi nell'Aretino. Un 29enne ricoverato in ospedale

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Ciclista trovato riverso sulla strada, l'appello della famiglia: "Se qualcuno ha visto, contatti la Municipale"

  • Coronavirus, salgono i casi in Toscana: oggi 755. Due i decessi e 144 i guariti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento