menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, Chiassai: "Tamponi rapidi gratuiti anche nelle frazioni"

Nella giornata di sabato 17 aprile, gli abitanti  delle frazioni potranno sottoporsi a tampone rapido recandosi senza prenotazione alla postazione mobile del Corpo militare volontario della Croce Rossa

Il servizio di tamponi rapidi gratuiti diventa itinerante per raggiungere le frazioni di Montevarchi e per ampliare la possibilità per la popolazione di effettuare uno screening anticovid. Nella giornata di sabato 17 aprile, gli abitanti  delle frazioni potranno sottoporsi a tampone rapido recandosi senza prenotazione alla postazione mobile del Corpo militare volontario della Croce Rossa, muniti di documento di riconoscimento e tessera sanitaria, nei seguenti luoghi e orari: 9.00- 9.40 Ricasoli, 9.50 - 10.30 Moncioni, 10.40 - 11.20 Rendola (piazza della chiesa), 11.30- 12.15 Mercatale, 12.30 - 13.10 Levanella, 13.20 - 14.30 Levane. Contemporaneamente resta attivo, per il giorno sabato 17 aprile, il servizio di prenotazione on line (https://comunemontevarchi-tamponirapidi.deskpa.it) dalle 9.00 alle 14.45, per effettuare i tamponi rapidi presso la postazione fissa nel resede della piscina comunale di Montevarchi rivolto ai residenti, con l’esito del test comunicato per email. Inoltre gli studenti e le loro famiglie possono anche usufruire sempre di un servizio di tamponi rapidi gratuiti rivolgendosi alla Farmacia comunale 1, telefonando per appuntamento al numero 055/980300.

"Da mesi stiamo offrendo un servizio gratuito di test antigenici rapidi che è molto apprezzato da cittadini e da tanti giovani delle nostre scuole – affermai il Sindaco Silvia Chiassai Martini – Per questo motivo abbiamo deciso di agevolare e di rendere ancora più partecipe la comunità, portando il servizio direttamente nelle nostre frazioni e nelle realtà più piccole.  Questa attività di screening è stata fondamentale per permettere al nostro comune di tenere sempre sotto controllo la diffusione del contagio. Una condizione confermata dai dati, con l’incidenza sempre sotto la soglia dei 250 tra il numero dei casi positivi e la popolazione residente, rendendoci l’unico comune del Valdarno ad oggi mai entrato in zona rossa nonostante sia il più grande. Un’ iniziativa importante che abbiamo portato avanti in questi mesi sempre in sinergia con tutti i promotori del Fondo Emergenza Coronavirus, Curva Sud, Associazione Memorie Rossoblù, Aquila Calcio, Avis di cui siamo molto orgogliosi per la lungimiranza dimostrata nella prevenzione e nella lotta Covid. Dalle Feste di Natale ad oggi, sono stati effettuati a Montevarchi circa 6000 tamponi rapidi ogni fine settimana, fungendo quasi da esempio per una modalità che poi è stata adottata dalla Regione in altri territori, ma restando un caso unico in Toscana per la presenza continua di un servizio funzionale e gratuito reso ai cittadini, alle famiglie e ai ragazzi, essendo consapevoli  che un monitoraggio di massa avrebbe portato un sicuro beneficio alla salute pubblica.  Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza la straordinaria disponibilità, collaborazione e professionalità del Corpo Militare volontario della Cri, i cui operatori sono diventati  un punto di riferimento importante per la città. L’obiettivo è stato quello di offrire un sostegno utile alla nostra comunità perché  nessuno si senta solo e per combattere la guerra al Covid insieme all’Amministrazione comunale e alla comunità, con la speranza che la campagna di vaccinazione possa presto permetterci di tornare a vivere quella normalità nelle nostre abitudini che manca da tempo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento