Martedì, 21 Settembre 2021
Montevarchi Montevarchi

Verso le elezioni a Montevarchi: Chiassai e Canonici si sfidano al confronto

Botta e risposta a distanza tra i due candidati a sindaco di Montevarchi. Al centro le date dei confronti diretti

I due candidati a sindaco di Montevarchi, Canonici e Chiassai. Foto Arezzo Notizie

"Io ho già dato la disponibilità al confronto pubblico, Chiassai non ha mai risposto al mio appello sui vaccini" Risponde così il candidato del centro sinistra per Montevarchi Luca Canonici alla sfidante Silvia Chiassai Martini. 

“Non capisco l’ultima uscita della rappresentante della Destra sul confronto pubblico, visto che per cinque anni ha evitato ogni tipo di contraddittorio e che abbiamo già fissato un appuntamento in Tv. Tra l’altro da lei sto ancora aspettando che si unisca al mio appello sui vaccini”.

“Non capisco - ha detto Luca Canonici, candidato sindaco di movimenti civici e forze politiche di tutto il centrosinistra - l’ultima uscita di Silvia Chiassai che dopo averli evitati per cinque anni, adesso auspica confronti pubblici, meglio se televisivi. Ho comunicato da oltre dieci giorni che il 9 settembre sono occupato per un impegno elettorale già preso da tempo, confermando invece la mia disponibilità per il prossimo 16 settembre. Peraltro da parte mia sono ancora in attesa della sua risposta sul mio invito a fare un appello comune sull’importanza dei vaccini. Su un argomento così importante per la salute pubblica, e anche per la ripresa economica, credo sia fondamentale che chi si candida a una carica istituzionale dia l’esempio e mandi un messaggio chiaro”.

La candidata a sindaco del centro destra, nonché prima cittadina uscente alcuni giorni fa infatti aveva  dichiarato: “Dopo la presentazione delle liste che ha ufficializzato la presenza di due candidati a sindaco per le imminenti elezioni amministrative – afferma Silvia Chiassai Martini - ritengo doveroso che la campagna elettorale richieda il confronto basato su programma, progetti e idee per il futuro della nostra città. Un’elezione in cui i montevarchini, dopo un anno e mezzo difficile dovuto al Covid, hanno il diritto di essere informati su la visione di città che i candidati hanno, perché possano prendere coscienza ed effettuare la scelta migliore tramite l’esercizio democratico delle urne. Questa è una decisione importante in cui la nostra visione di sviluppo della città non si limita alla scadenza dei prossimi cinque anni, ma già si proietta nei prossimi trenta. La chiarezza delle idee e la concretezza dei progetti sono quindi gli strumenti fondamentali per cogliere le grandi opportunità che provengono dal PNRR, senza condizionamenti ideologici, ma al solo fine di centrare l’obiettivo di lavorare e di operare nell’interesse della nostra comunità. Per questo motivo, con grande piacere comunico la mia piena disponibilità a partecipare a tutti i confronti diretti in tv con l’altro candidato, a partire da quelli già da tempo calendarizzati, del 9, del 16 e del 22 settembre."

La risposta di Canonici continua: “Passo ogni giorno tra la gente perché la mia è una campagna elettorale impostata sull’esposizione del programma e sul confronto con i cittadini. In tutta sincerità preferisco impiegare così il mio tempo invece che in superficiali e ripetitive corride televisive. Flash e passerelle forse sono utili alla costruzione di un personaggio, certo non ad amministrare bene un comune complesso come il nostro. l mio compito - continua Canonici - come candidato sindaco è quello conquistare la fiducia dei cittadini: a loro devo spiegare la nostra visione della città e il programma per Montevarchi. Nei prossimi giorni proseguirò gli incontri in tutti i quartieri e le frazioni perché ritengo che stare tra la gente e ascoltarla sia il modo migliore per instaurare un rapporto diretto con le persone, conoscere le loro esigenze e trovare soluzioni ai loro problemi”. “L’ascolto dei cittadini di Montevarchi - ha concluso Canonici - è una cifra vera che si ritrova anche nel nostro programma. Non a caso abbiamo previsto l’implementazione degli URP nelle frazioni più popolose e uno sportello dedicato alle famiglie con anziani o disabili a carico. La nostra è una città che ha bisogno di un’amministrazione con una visione innovativa e realizzabile, di show fini a se stessi ce ne sono stati fin troppi in questi cinque anni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso le elezioni a Montevarchi: Chiassai e Canonici si sfidano al confronto

ArezzoNotizie è in caricamento