Montevarchi

Fanno i complimenti alla figlia, lui si infiamma: stende a pugni uno sconosciuto, poi spara in strada

L'episodio è nato all'interno di un locale di Terranuova, i colpi di pistola esplosi in centro a Montevarchi

Fanno i complimenti alla figlia, lui si infiamma: prende a pugni uno sconosciuto e spara in aria. L'episodio è accaduto un paio di mesi fa e viene alla luce oggi, dopo che i carabinieri della stazione di Terranuova Bracciolini insieme ai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni hanno chiuso le indagini e, ieri, hanno arrestato un uomo, ritenuto responsabile. Si tratta di un italiano, residente in Valdarno e di origini campane: è accusato di minaccia aggravata, lesioni aggravate, detenzione illegale di arma comune da sparo, porto illegale di arma in luogo pubblico ed esplosione di colpi d’arma da fuoco in luogo pubblico.

L'allarme

Il caos risale all'inizio di settembre, è sabato sera: il centralino del 112 viene preso d'assalto, numerose chiamate di persone preoccupate riferiscono di un uomo armato di pistola nel parcheggio esterno di un locale di Terranuova Bracciolini. Arrivano i carabinieri della stazione di Castelfranco Piandiscò, che poi però vengono inviati verso il centro di Montevarchi, dove l'uomo si era spostato, sparando in una via del centro storico della città. La pattuglia raccoglie diversi bossoli calibro 9 x 21, ma dell'uomo non c'è più traccia. Così i militari tornano nei pressi del locale e iniziano a raccogliere testimonianze sull'accaduto per risalire alla persona che aveva causato la lite.

La caccia all'uomo

La centrale operativa della compagnia valdarnese, intuendo l'identità dello sparatore si mette così alla ricerca del fuggiasco con turni esterni con il personale a disposizione - anche in borghese, armato e con giubbetto antiproiettile - per trovare l'uomo.

La ricostruzione

Secondo la ricostruzione dei militari i fatti sarebbero andati più o meno così: una famiglia di origini campane era all’interno del locale per passare la serata. Un ragazzo, di origine straniere, si avvicina alla figlia, facendole un complimento. Il padre però si inalbera e scatta un diverbio tra la famiglia campana e il giovane. Quest'ultimo si allontana e il padre della ragazzina corre fuori dal locale per trovarlo: ma il ragazzo non c'è più, il padre se la prende così con una persona ignara, che era tranquillamente seduta nella sua auto. Lo prende a pugni, ferendolo. Deve intervenire il 118 per soccorrere lo sconosciuto percosso. E' il caos: l'uomo ha una pistola e inizia a litigare con il personale di vigilanza al locale, prima di allontanarsi e dirigersi verso il centro di Montevarchi, sempre con intenzioni bellicose. E qui sparerà i colpi in strada.

La perquisizione

Le prime attività d’indagine - spiegano i militari - avevano portato ad una immediata perquisizione alla ricerca di armi presso l’abitazione del soggetto, con esito negativo. Gli ulteriori accertamenti, compiuti a stretto giro dai militari valdarnesi, portavano a raccogliere elementi sufficienti a ritenere che fosse stato proprio l’uomo a sparare in aria - per motivi al momento ignoti - dei colpi d’arma da fuoco in Montevarchi, qualche minuto dopo la conclusione della lite.

La pistola - alla fine - non è stata rinvenuta, ma per l’uomo campano sono scattate le manette, a seguito di una ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip del Tribunale di Arezzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fanno i complimenti alla figlia, lui si infiamma: stende a pugni uno sconosciuto, poi spara in strada

ArezzoNotizie è in caricamento