Montevarchi

Sicurezza nei comuni del Valdarno, si è riunito il comitato provinciale

Calano i reati, ma i servizi preventivi saranno comunque incentivati soprattutto sul fronte dello spaccio e dei reati predatori

Si è svolta presso la sala del Consiglio Comunale di Montevarchi una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto Maddalena De Luca . All'incontro erano presenti Questore, comandanti provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, i sindaci dei Comuni di Montevarchi, Terranuova Bracciolini, San Giovanni Valdarno, Bucine, Laterina Pergine Valdarno, l’assessore del Comune di Cavriglia, il Consigliere Lucacci della Provincia di Arezzo nonché il Comandante della Polizia Provinciale.

Tema dell'incontro era il punto sullo stato generale dell’ordine e della sicurezza pubblica nella vallata, con l'obiettivo di "individuare le linee di azione verso le quali far convergere le strategie di prevenzione e contrasto, nell’ottica di soddisfare le legittime aspettative di sicurezza da parte dei cittadini". 

Dall’analisi dei dati, riferiti agli anni 2019-2020 e ai primi cinque mesi del 2021, è emerso un netto decremento della criminalità, in linea con il trend nazionale.

In tale contesto, il Prefetto ha confermato il massimo impegno delle Forze di polizia nell’attività di controllo del territorio, attraverso l’attuazione di servizi mirati sia di tipo ordinario che straordinario, ad alta visibilità ed impatto. Tali servizi saranno svolti in chiave preventiva e di controllo, soprattutto per quanto riguarda il contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti e dei reati predatori.

"E’ stata anche evidenziata - spiega la Prefettura con una nota - la determinante funzione strategica che è rappresentata dalla circolarità delle notizie e dalla collaborazione dei cittadini e degli operatori economici, auspicando un sempre maggior impiego degli strumenti amministrativi di prevenzione messi a disposizione dei Sindaci dalla normativa a tutela del decoro e della sicurezza urbana dei centri abitati, onde dare attuazione concreta al concetto di sicurezza partecipata del territorio

Particolare attenzione verrà prestata anche sul versante dei controlli amministrativi e di carattere economico-finanziario nonché sull’attività info-investigativa allo scopo di intercettare tempestivamente ogni possibile forma di infiltrazione di sodalizi criminali nell’economia legale del territorio nonché di tutelare i canali di impiego del denaro pubblico, soprattutto nella contingente situazione di crisi sanitaria ed economica determinata dalla pandemia.  

Apprezzamento è stato espresso per l’impegno che le amministrazioni locali, anche in termini di risorse economiche, hanno realizzato per l’installazione dei sistemi di videosorveglianza, ubicati in alcuni punti strategici dei centri abitati, che costituiscono un efficace deterrente a contrasto dei reati. In tale contesto, è stata auspicata un’implementazione ulteriore di siffatti strumenti, onde ampliare le zone da sottoporre a controllo". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza nei comuni del Valdarno, si è riunito il comitato provinciale

ArezzoNotizie è in caricamento