MontevarchiNotizie

"Chi ha 12mila euro nel conto corrente può richiedere i buoni spesa", opposizione all'attacco

Il Pd di Montevarchi contro l'amministrazione comunale: " I criteri per la distribuzione dei buoni spesa ai cittadini in difficoltà adottati dal nostro Comune risultano veramente nebulosi e a dir poco opinabili"

"Famiglie che hanno nel conto corrente un saldo di 12mila euro possono richiedere i buoni spesa". Attacca così una nota del Pd di Montevarchi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questo è quello che accade nel Comune di Montevarchi. I criteri per la distribuzione dei buoni spesa ai cittadini in difficoltà adottati dal nostro Comune risultano veramente nebulosi e a dir poco opinabili e comunque non mirati a favorire chi veramente versa in una condizione di disagio sociale ed economico alimentato dall’emergenza Covid-19. Proprio per questo motivo proponiamo di privilegiare in particolare chi ha figli minori a carico e persone con disabilità nel proprio nucleo familiare e riteniamo necessario abbassare la soglia del saldo del conto corrente a 5mila euro (soglia entro la quale anche lo stato individua di solito la condizione di modeste risorse economiche). Ma soprattutto rileviamo che sarebbe più corretto parlare di giacenza media piuttosto che di saldo puntuale dei conto corrente. Vuole il Comune di Montevarchi aggiungere a quanto erogato dallo Stato - come altri comuni hanno fatto - risorse proprie per aumentare l’entità dell'intervento a favore delle famiglie bisognose? Magari gli stessi 20mila euro che solo qualche settimana fa sono stati spesi per la comunicazione? Ancora una volta rileviamo che il ritiro dei buoni presso un unico punto in una via del centro di Montevarchi possa essere foriero di assembramenti, lunghe code e una possibile fonte di contagio proprio in questo periodo di distanziamento forzato. Per questo sarebbe utile prevedere un form on-line oppure alcune linee telefoniche a disposizione della cittadinanza per la compilazione dei moduli di richiesta dei buoni oltre a prevedere collaborazioni con i negozi di vicinato presenti in città per la distribuzione o fruizione dei buoni magari proprio con la consegna della spesa a domicilio. Visti i molti gesti di solidarietà e collaborazione emersi nella nostra città da parte di cittadini, imprese, negozianti, ristoratori confidiamo nella correttezza e benevolenza dei montevarchini affinché possa usufruire di questo sostegno chi ne ha un reale bisogno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento