menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Buoni spesa del Comune di Montevarchi: quanto valgono e come fare ad accedere

E' aperta la piattaforma per la presentazione delle domande relative ai Buoni Spesa straordinari Covid-19 nel comune di Montevarchi. Grazie al decreto governativo all'amministrazione sono stati assegnati 139.465,58 euro

Da lunedì 30 novembre è aperta la piattaforma per la presentazione delle domande relative ai Buoni Spesa straordinari Covid-19 nel comune di Montevarchi. Grazie al decreto governativo all'amministrazione sono stati assegnati 139.465,58 euro.

Il Comune li emetterà e saranno utilizzabili per l’acquisto di beni di primaria necessità:

  • possono essere richiesti dai cittadini residenti nel Comune di Montevarchi entro e non oltre il 30/12/2020;
  • possono essere spendibili, entro e non oltre il 31/1/2021, in tutti gli esercizi il commercio al dettaglio, presso commercianti su area pubblica e produttori agricoli (salvo disponibilità del titolare dell’attività) operanti sul territorio del Comune di Montevarchi e che vendono prodotti di primaria necessità quali latte, latticini, pasta, formaggio, uova, carne, verdura, frutta, pane, biscotti etc. (compresi alimenti, pannoloni etc. per neonati);
  • non possono essere acquistati prodotti cosmetici, alcolici e superalcolici, alimentari per animali, prodotti di pulizia per la casa, fiori, giocattoli, libri, abbigliamento etc. pena la restituzione di quanto erogato, da parte del cittadino, e che in caso di acquisto con detto buono non verranno rimborsati dal Comune di Montevarchi;
  • l’importo complessivo del/dei buono/i spesa varierà in base alla numerosità del nucleo famigliare:
    1 componente: 80 euro; 2 componenti: 125 euro; 3 componenti: 165; 4 componenti: 200; 5 o più: 230. In caso di presenza di minori si aggiungono ulteriori soldi: 1 minore: +40 euro, 2 minori: +60 euro, 3 minori: +80 euro, 4 minori: +98 euro, 5 o più minori: 114 euro.

Saranno numerati e riporteranno un timbro a secco anticontraffazione; il buono può essere utilizzato esclusivamente dal nominativo in esso riportato; concorrerà al pagamento del conto fino al suo ammontare (se ad esempio vale € 10,00 concorrerà alla spesa per detta cifra) l’eventuale integrazione del prezzo, potrà essere solo in aumento mediante contante a cura del cliente, non sono ammessi “resti” in denaro sul buono; all’esercente il commercio al dettaglio, al commerciante su area pubblica od al produttore agricolo che accetterà il buono spesa, sarà consegnata una lettera del Comune di Montevarchi (vedi fac-simile n. 1 in calce alla presente pagina) con la quale saranno date indicazioni sia per il ritiro del buono, per l’utilizzo che per il suo rimborso; l’esercente il commercio al dettaglio, il commerciante su area pubblica od il produttore agricolo che ritirerà il buono consegnando gli alimenti al cliente, allegherà al buono copia dello scontrino fiscale parlante o copia dello scontrino fiscale unitamente all’elenco dei prodotti acquistati e, periodicamente/settimanalmente/mensilmente, richiederà rimborso al Comune di Montevarchi utilizzando una richiesta (vedi fac-simile n. 2 in calce alla presente pagina);

 Ogni cittadino che vorrà presentare l’istanza per l’eventuale erogazione dei BUONI SPESA dovrà compilare – da lunedì 30/11/2020 - il format appositamente predisposto a questo link.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

  • Psicodialogando

    Sono stato tradito da mia moglie. E adesso?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento