menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Avanti Montevarchi. "Tutti insieme contro il Coronavirus"

"Sono tempi difficili. Tempi nei quali non è utile polemizzare o fare passarelle comunicative. Occorre lavorare duro, tutti insieme, per mettersi alle spalle il prima possibile i problemi di oggi"

"Niente polemiche né passarelle. Atti concreti per vincere la guerra al Coronavirus". Attacca così un comunicato di Avanti Montevarchi.

Sono tempi difficili. Tempi nei quali non è utile polemizzare o fare passarelle comunicative. Occorre lavorare duro, tutti insieme, per mettersi alle spalle il prima possibile i problemi di oggi.

La nota integrale

Avanti Montevarchi invita tutti i cittadini a non sottovalutare il nemico Coronavirus e a seguire scrupolosamente le norme comportamentali dettate dal Governo e da Regione Toscana anche per facilitare il lavoro immane che gli operatori e le strutture sanitarie stanno compiendo. A loro, innanzitutto, la nostra gratitudine.

Avanti Montevarchi esprime solidarietà e vicinanza a tutti gli operatori economici, alle partite IVA e ai lavoratori che, oggi, vedono messe a rischio le proprie attività. Si impegna fin da ora, nell’ambito delle sue possibilità, a stimolare la politica e le istituzioni affinché operino per garantire che nessun posto di lavoro sia perso, nessuna attività imprenditoriale (commerciale, manifatturiera , artigianale) o libero professionale sia costretta a chiudere i battenti. Non sarà facile ma riteniamo sia possibile soprattutto se riusciremo a tutti i livelli a mettere in campo nuove e innovative soluzioni. Se la pubblica amministrazione sarà efficiente, trasparente e collaborativa, aperta alle necessità delle comunità e capace di accompagnare fuori dall’emergenza tutti quelli che risentiranno dei problemi di oggi.

Avanti Montevarchi è disponibile a collaborare con l’amministrazione cittadina sia per la gestione della crisi sia, successivamente, per far ripartire Montevarchi. E disponibile a partecipare e dare il proprio contributo di idee ed esperienza all’eventuale Comitato di crisi che Chiassai Martini potrebbe, seguendo l’esempio di altri comuni, costituire. Comitato che potrebbe essere utile per l’applicazione più efficace della logica delle norme in essere a partire dal vietare i mercati settimanali e all’organizzare i controlli sul rispetto del divieto di libera circolazione. Ci sono innumerevoli aspetti sui quali l’amministrazione locale può individuare azioni da compiere. La sanificazione degli ambienti scolastici e del sistema di raccolta dei rifiuti, l’assistenza agli anziani e a coloro che non possono usufruire adesso degli spazi di accoglienza diurna, la rimodulazione delle scadenze dei tributi, i contributi per le famiglie che hanno i figli a casa sono alcune di queste. Una continua, costante e trasparente comunicazione ai cittadini anche attraverso la disponibilità di un numero di telefono che fornisca informazioni utili per la città e la sua quotidianità.

Passato il momento più grave riprenderemo la normale dialettica politica e porteremo all’attenzione della città le tante cose che non ci convincono di questa amministrazione a partire dall’ipotesi di autorizzare in area Levanella un impianto di trattamento di rifiuti liquidi e organici senza un confronto né in sede consiliare né con la popolazione.

Aspettiamo segnali di collaborazione con fiducia.

Il Coordinamento Cittadino e il Gruppo Consiliare

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

  • Scuola

    "Social ma non per gioco" i corsi per gli studenti di Foiano

  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento