CortonaNotizie

"Cortona vive di turismo, necessari investimenti per il settore". FdI lancia l'appello al sindaco

"Adesso non c’è più spazio per l’improvvisazione e gli errori dettati dall’inesperienza, da oggi si fa sul serio per affrontare tutti insieme la grave e profonda crisi economica che ci aspetta"

E' il direttivo cortonese di Fratelli d'Italia ad intervenire sulle recenti dichiarazioni del sindaco Luciano Meoni e riguardanti l'arrivo di un primo stanziamento di risorse pari a centomila euro per sostenere le attività economiche del territorio.

"Crediamo che questa cifra debba essere focalizzata su una singola azione, evitando di disperdere il suo impatto in mille rivoli - spiegano dal partito - Cortona, lo vediamo in questi giorni, appare semi deserta a causa della mancanza di turisti; occorre quindi far sì che uno degli anelli più importanti del settore turistico – le agenzie di viaggio e di incoming, oltre che le guide turistiche – sia supportato fino a quando cominceranno a circolare le persone sia in Italia che dall’esterno. Ci impegniamo a creare una cabina di regia con gli operatori del settore e tutti gli enti coinvolti al fine di garantire, attraverso queste prime risorse, un’immediata liquidità, istituendo un fondo per far fronte al momento emergenziale, sostenendo il reddito per i titolari e i dipendenti. Non possiamo attendere che il governo centrale risolva tutti i problemi sul tappeto, Cortona vive di turismo ed è quindi necessario che l’amministrazione locale investa per salvaguardare questo settore che, da solo, può far ripartire il tessuto economico fatto di un indotto vastissimo. Questo per noi è solo un primo passo, stiamo predisponendo un vero e proprio “Piano di Investimenti” che preveda uno stanziamento di fondi per ogni settore colpito dalla crisi che, se sostenuto, potrà generare a sua volta il doppio o il triplo delle risorse investite. Accanto al sostegno dei settori in difficoltà è fondamentale che l’assessore al turismo del comune di Cortona possa essere messo in grado, attraverso le opportune dotazioni finanziarie, di realizzare un piano di comunicazione e di eventi per salvare la stagione turistica fino a fine anno e gettare le basi per la prossima. Solo con un impegno organico possiamo tentare di risollevare le sorti del nostro splendido territorio, coinvolgendo anche nuove realtà che si stanno organizzando come il consorzio degli operatori turistici della Valdichiana. Parte da qui una stagione nuova, dal post-Covid19, dopo un anno di governo locale e dopo una drammatica crisi sanitaria. Adesso non c’è più spazio per l’improvvisazione e gli errori dettati dall’inesperienza, da oggi si fa sul serio per affrontare tutti insieme la grave e profonda crisi economica che ci aspetta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento