Cortona

Bus viaggiava vuoto verso la Cantarelli: l'affondo del consigliere Scapecchi e la risposta di Tiemme

Botta e risposta tra il consigliere provinciale e l'azienda di trasporti

La denuncia di uno spreco, da parte del consigliere provinciale Federico Scapecchi, e la risposta di Tiemme che rimanda le responsabilità alla Provincia. Nel mezzo l'oggetto del contendere: ovvero quelle corse degli autobus dirette alla Cantarelli, con mezzi sempre vuoti perché la fabbrica di Terontola è chiusa.

A sottolineare lo spreco era stato Scapecchi: 

“Ringrazio i cittadini e il sindaco di Cortona per la segnalazione - ha scritto ieri in una nota - perchè grazie a loro ci hanno permesso di intervenire con Tiemme. Da ieri 9 dicembre la corsa del bus verso l’azienda Cantarelli chiusa ormai da un paio di anni, viene finalmente soppressa. Il servizio di trasporto pubblico deve essere un servizio utile; ma qui siamo di fronte ad uno spreco che si perpetua da anni. Un vero paradosso, perché la fabbrica nonostante sia chiusa, vede ogni giorno un bus di Tiemme di cinquanta posti, dirigersi vuoto alla ditta Cantarelli nel Comune di Cortona. Questa azione deve essere un monito, per verificare altre situazioni simili, nei presidi territoriali industriali, scolastici o di qualsiasi altra tipologia che hanno cessato la loro attività, al fine di far cessare altri sprechi. Invito Tiemme di fare un piano di riorganizzazione vera, per coprire le corse secondo le reali necessità”.

Tiemme però non ci sta e risponde al consigliere con una nota del presidente Piero Sassoli

“Restiamo stupiti nell’apprendere le dichiarazioni del consigliere provinciale Federico Scapecchi in merito al servizio di Tpl diretto verso l’azienda Cantarelli di Terontola, nel comune di Cortona. Lo stupore è dettato dal fatto che il consigliere dimostra di non conoscere la differenza tra il ruolo degli enti pianificatori (Regione Toscana, province e comuni) ed enti gestori (in questo caso Tiemme). Spetta in questo caso la Provincia di Arezzo, programmare il servizio di Tpl sul territorio, quindi monitorarlo periodicamente ed eventualmente riorganizzarlo, quando necessario, portando al competente GTT gli argomenti da affrontare. Spettava dunque all’amministrazione provinciale comunicare a Tiemme, quale gestore del servizio, le cessate esigenze di quel collegamento che, per precisione, consisteva nell’allungare di 700 metri per due volte al giorno la percorrenza di una corsa”.

Sulla questione interviene anche Donato Caporali, cogliere Pd.

“Sulla questione della partecipazione del consigliere provinciale di Forza Italia Federico Scapecchi alle periodiche riunioni del Gruppone Tecnico Territoriale della Provincia di Arezzo si evidenzia un’anomalia, sulla quale è legittimo chiedere a quale titolo il consigliere partecipi. Il GTT è per sua natura un organismo tecnico che affronta aspetti tecnici, le cui questioni inerenti l’organizzazione dei servizi di trasporto pubblico sul territorio non devono essere strumentalizzate ai fini politici, in cerca di una visibilità che viceversa sarebbe scarsa”.

La replica di Scapecchi a Tiemme.

In merito alla soppressione della corsa Stazione di Terontola - Ex Cantarelli, non era mia intenzione attaccare l'operato di Tiemme. La competenza per richiedere la modifica di una linea del trasporto pubblico su gomma, come correttamente esposto dall'azienda, è dell'ente pubblico, in questo caso la provincia di Arezzo, e così è stato anche per questa vicenda.
Mi sono infatti personalmente attivato e ho dato incarico all'ufficio trasporti della Provincia, che ringrazio, di interfacciarsi con Tiemme, che in poche ore ha constatato che la corsa non era utilizzata e ne ha disposto la soppressione.
Tuttavia, pur non essendoci nessuna diretta responsabilità di Tiemme, è surreale che nel corso dei lunghi mesi di inattività della Cantarelli (la cui procedura fallimentare è iniziata nel maggio del 2018) chi gestisce il servizio non si sia resa conto che, lungo quel tratto appositamente creato per gli operai dello stabilimento, non ci fosse più utenza.
Vista l'attenzione, riportata dalla stampa, dei controllori incaricati da Tiemme nell'elevazione di sanzioni all'utenza per questione di minuti, ci si aspetterebbe la stessa attenzione nel segnalare l'inutilità di una corsa che perdura presumibilmente da oltre un anno.
A causa della riorganizzazione delle Province e del servizio di trasporto pubblico dell'intera Regione, del quale ancora oggi non conosciamo il destino per l'anno 2020 e per gli anni a venire, i mezzi e le informazioni a disposizione per monitorare casi analoghi a questo sono pochi, e risultano di vitale importanza le segnalazioni dell'utenza e del gestore stesso, al quale chiederò alla prossima riunione mensile maggior collaborazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bus viaggiava vuoto verso la Cantarelli: l'affondo del consigliere Scapecchi e la risposta di Tiemme

ArezzoNotizie è in caricamento