menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

"Cari, carissimi rifiuti..." l'attacco di Cortona Patria Nostra per la convenzione con Gestione Ambientale

La delibera del Comune prevede una spesa più alta rispetto all'amministrazione precedente

Rifiuti abbandonati, discariche abusive, raccolta differenziata non rispettata. Tutti comportamenti che hanno bisogno di controlli, che potrebbero migliorare se ci fosse a monte un'educazione e una sensibilizzazione dei cittadini fin dalle più giovani età.

Ne è convinta Cortona Patria Nostra che crede che l'aspetto sanzionatorio sia marginale in tutto questo. Perciò contesta una delle delibere dell'amministrazione comunale:

"Molto spesso accade che comportamenti scorretti siano legati alla scarsa disponibilità dei cassonetti, sempre stracolmi ed inadeguati, ed alla loro dimensione insufficiente. Il sindaco delle denunce e delle querele, quello che "attenziona" chi dissente ma non è in grado di mettere a fuoco i problemi reali della gente, evidentemente non la pensa come noi. Con la Delibera 883/2020 ha deciso di pagare 48.000 euro alla società Gestione Ambientale Srl che fornisce il personale addetto ai controlli e all'individuazione degli abusi. E' la stessa che collaborava con la sinistra e c'è un particolare niente affatto trascurabile: i costi sono spaventosamente aumentati, i risultati non si intravedono assolutamente, non si ha alcuna evidenza dell’attività di questi soggetti. La cosa buffa, andando a rileggere le delibere di quest’amministrazione, è che l’incarico è stato riconfermato, “per i buoni (…) risultati ottenuti”. Perché altre amministrazioni della Provincia si avvalgono con successo dei vigili urbani e a Cortona hanno deciso di ricorrere alle prestazioni di una società esterna?"

Poi una valutazione politica: "Nulla è cambiato rispetto all’amministrazione Basanieri, sono aumentati i costi, sono aumentati i disservizi, è aumentato il malumore dei cittadini, è previsto un aumento della Tari con le botteghe chiuse che non possono produrre rifiuti per la grave emergenza sanitaria."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento