menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luciano Meoni, sindaco comune di Cortona

Luciano Meoni, sindaco comune di Cortona

Privacy violata negli atti dell'Albo Pretorio. Il sindaco: "Chiedo scusa a nome dell'amministrazione"

"Respingo il giochino politico del capogruppo Bernardini fa ogni volta che c’è un problema chiedendo le mie dimissioni. A lui chiedo di comportarsi correttamente"

"Per quanto accaduto chiedo scusa a nome dell’amministrazione che rappresento". Sono queste le parole usare dal sindaco di Cortona, Luciano Meoni, in seguito alla pubblicazione di dati sensibili riguardanti un cittadino sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio. La vicenda, come noto, è stata porta alla luce dal capogruppo di minoranza in consiglio comunale Andrea Bernardini il quale, attraverso una nota, aveva denunciato un "grave episodio di violazione del diritto alla privacy: sull’albo pretorio online del Comune di Cortona è risultato disponibile per alcuni giorni l’atto con cui il sindaco firmava un trattamento sanitario obbligatorio, senza che il nome del/la destinatario/a fosse nascosto, come sarebbe stato opportuno nonché richiesto dalla legge". Un fatto stigmatizzato dal Partito Democratico locale che aveva richiesto le dimissioni del sindaco. Di oggi, 1° aprile, la replica da parte del primo cittadino.

"Nell’amministrazione pubblica, come nella vita, ci sono giornate buone e giornate meno buone, quella di ieri per il nostro comune è stata una giornata non bella - spiega il sindaco - C’è stato un errore, un brutto errore, è stato un mero errore materiale. Ma qui non facciamo il giochino di una volta, quando ci si prendevano i (pochi) meriti e si scaricavano su altri, anche sui lavoratori del comune, le responsabilità degli errori. Oppure peggio, quando si faceva capire che era andata così. Io qui sono come l’allenatore di una squadra e mi prendo meriti e demeriti, mi faccio carico di queste responsabilità e quindi di fare un chiarimento nei confronti dei concittadini oltre a porre in essere tutte quelle azioni affinché errori del genere non si ripetano. Per quanto accaduto chiedo scusa a nome dell’amministrazione che rappresento, quello che invece respingo è il giochino politico che ci sta dietro. Il capogruppo della minoranza ogni volta che c’è un problema (tecnico/politico) chiede le mie dimissioni, secondo me se le sogna la notte, ancora non si dà pace per aver perso il comune dopo 72 anni di governo della sua parte politica. Voglio fare in modo che superi questo incubo e che torni a dormire sonni tranquilli. Gli chiedo però di comportarsi correttamente, visto che è un consigliere comunale, ovvero pubblico ufficiale. Egli ha pubblicato un post su Facebook, generando ulteriore curiosità e pubblicità sull’atto esposto, prima che gli uffici fossero in grado di rimuoverlo definitivamente. Invece di comportarsi responsabilmente ha preferito pubblicare il post alla stessa ora in cui ha inviato la pec al Comune. Il capogruppo della minoranza, visto che non è nuovo alla macchina amministrativa cortonese, dovrebbe conoscere il funzionamento degli uffici e il meccanismo di pubblicazione degli atti. Un procedimento a carico di persone che possono sbagliare, come tutti gli esseri umani. Basti ricordare gli errori tecnici avvenuti durante la precedente amministrazione, alcuni dei quali sono costati diverse decine di migliaia di euro ai cortonesi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento