Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cortona

Il Pd di Cortona: "Restiamo a casa, ma si pensi già a una strategia per ripartire"

"In parallelo all’emergenza sanitaria, sta emergendo con altrettanta forza l’impatto economico, che in un territorio fortemente terziarizzato e a vocazione turistica come il nostro ha già cominciato a produrre effetti negativi"

"L’emergenza Corona Virus sta modificando in maniera notevole le nostre abitudini, ma l’invito che facciamo a tutti è quello di rispettare le regole e rimanere nelle proprie abitazioni". Attacca così una nota del Pd cortonese che continua.

In parallelo all’emergenza sanitaria, sta emergendo con altrettanta forza l’impatto economico, che in un territorio fortemente terziarizzato e a vocazione turistica come il nostro ha già cominciato a produrre effetti negativi.

Prima che sia troppo tardi, crediamo sia necessario un intervento forte e serio dell’Amministrazione Comunale per gli aspetti di sua competenza, come lo Stato a livello nazionale sta facendo proprio in queste ore.

Diversi comuni, anche vicini, si sono già mossi e crediamo che anche la Giunta Meoni debba dare delle risposte chiare agli operatori del settore e a tutto il comparto del commercio e del turismo.

È il momento di ammainare le bandiere politiche e fare degli interventi immediati ma con finalità strutturali, che possano dar fiato alle aziende e quindi ai lavoratori e alle famiglie che vi operano. Non possiamo attendere la fine dell'emergenza per cominciare a ipotizzare le soluzioni.

Dobbiamo iniziare sin da oggi ad elaborare una strategia concordata con categorie economiche, sindacati e ordini professionali, che permette di rivedere le previsioni di bilancio e mettere in atto azioni concrete a sostegno di chi vede messi in discussione reddito e lavoro.

Come minoranza, ci impegniamo dare il nostro contributo, nella convinzione che il bene dei nostri cittadini e delle nostre imprese sia la priorità.

Su alcuni punti relativi al settore sociale e alla scuola, ribadiamo la necessità di intervenire al più presto:

rimborso rette dei nidi;

rimborso quota fissa dei pulmini scolastici;

assistenza domiciliare per chi usufruiva del centro diurno;

sostegno alle famiglie con minori disabili.

Per ripartire, saranno necessarie tuttavia ulteriori azioni, a partire da:

sospensione immediata delle tasse comunali fino a giugno 2020;

riduzione e dilazionamento nei pagamenti per le principali tasse comunali per le aziende (TARI, IMU);

esenzione dalla COSAP nel settore turistico-ricettivo per il 2020;

esenzione tassa di soggiorno fino al 30 Giugno 2020 e posticipo nel pagamento delle varie rate;

riduzione notevole del costo orario dei parcheggi, sia nel centro storico che nelle frazioni di Camucia e Terontola;

apertura gratuita dei musei per quando l’emergenza sarà finita;

campagna di comunicazione per rilanciare l’attrattività di Cortona, anche in un’ottica di squadra coinvolgendo altri Comuni della Provincia;

coinvolgimento di istituti di credito per aumentare l’accesso al credito.

L’Italia e Cortona potranno ripartire con la collaborazione di tutti e scelte impegnative, ma necessarie, da parte delle Istituzioni. Da parte nostra, assicuriamo la massima collaborazione affinché si possano mettere in pratica queste proposte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd di Cortona: "Restiamo a casa, ma si pensi già a una strategia per ripartire"

ArezzoNotizie è in caricamento