Cortona

Matrimonio sì ma meglio se a Cortona: boom di stranieri in Valdichiana per convolare a nozze

Il sindaco Francesca Basanieri: “Anche nel segmento Wedding la nostra città indica la strada e raggiunge la vetta.”

Matrimoni civili o religiosi poco importa.
Il "sì lo voglio" è più bello e carico di magia se viene pronciato in una delle meravigliose e antiche location della Toscana.
Un trend che, sempre più, sta prendendo corpo anche a Cortona dove negli ultimi anni sono stati celebrati 550 matrimoni di cui 310 con coppie provenienti da fuori Italia.

A confermare le cifre e l'orientamento è il sindaco della cittadina della Valdichiana, Francesca Basanieri, che ha accolto con particolare entusiasmo i risultati emersi dalla Bit di Milano.

"In questo contesto - spiega il primo cittadino cortonese - il Centro Studi Turistici di Firenze ha presentato la sua indagine riguardante questo settore per la regione Toscana. Cortona è risultata tra le prime cinque per richiesta di matrimoni civili e religiosi per stranieri assieme a Firenze, Fiesole, Certaldo e Greve in Chianti. Per i matrimoni celebrati nella sala del consiglio comunale Cortona è seconda solo a Firenze".

La Toscana è la regina del mercato del destination wedding in Italia con una quota pari al 30,9%.
Solo negli ultimi quattro anni gli arrivi legati a questo fenomeno sono cresciuti del +42,2% mentre le presenze del +34,8%. In particolare, i matrimoni di stranieri in Toscana nel 2018 sono stati 2.713, con un numero medio di invitati pari a 49,3, una spesa media ad evento di € 59.000 e un fatturato totale di 160,2 milioni di euro.  Gli arrivi stimati nella regione sono stati 134 mila e 546 mila le presenze.

“A Cortona - spiega Francesca Basanieri - negli ultimi tre anni sono stati celebrati 550 matrimoni, di questi 310 di stranieri. I nostri mercati di riferimento sono la Gran Bretagna, gli Usa e la Norvegia con una crescita della Polonia e dei paesi Baltici. Un risultato che ci fa veramente piacere e che un po’ ci attendevamo, magari non in queste dimensioni. In questi anni abbiamo percepito chiaramente che il settore del wedding stava crescendo sia in termini numerici che di qualità. Gli operatori cortonesi sono diventati tra i migliori d’Italia. Abbiamo realizzato anche eventi speciali per questo settore ed ospitato giornalisti specializzati. I risultati quando si lavora bene ed in sintonia arrivano. Come amministrazione abbiamo fina dal 2015 un regolamento molto preciso che chi vuole sposarsi civilmente a Cortona. Le location individuate sono due la sala del consiglio comunale, che come abbiamo visto dall’indagine del Centro Studi Turistici è ricercatissima e la Fortezza del Girifalco. Il nostro regolamento definisce anche i costi (800 euro per i non residenti) e le opportunità (gratuito quando i due sposi sono entrambi cortonesi). Abbiamo anche un ufficio preposto ubicato in via Roma all’interno dell’ufficio Anagrafe (tel 0575 637289).  Tra le curiosità si registra un utilizzo sempre più diffuso della tecnologia prima durante e dopo la cerimonia: il 62% delle coppie realizza siti web dedicati all’evento mentre il 54% crea hashtag per il giorno del matrimonio e il 52% utilizza app per il wedding planning. Per il 2019 la tendenza indica un’ulteriore crescita dei matrimoni di stranieri a Cortona, con valori intorno al 4-5%, in particolare ci attendiamo una crescita dei mercati extraeuropei, soprattutto Australia, Brasile, India e Cina, e aumentano le richieste per location culturali e borghi esclusivi.”

Il periodo primavera-estate è quello preferito (87,9%) per le celebrazioni dei matrimoni, così come la Villa si conferma la location più richiesta (38,2%), seguita da agriturismo (20,8%) e castello (16,4%).

Inoltre il matrimonio non si limita più solo alla cerimonia ma prosegue per più giorni in quello che diventa un vero e proprio viaggio alla scoperta del territorio toscano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matrimonio sì ma meglio se a Cortona: boom di stranieri in Valdichiana per convolare a nozze

ArezzoNotizie è in caricamento