CortonaNotizie

Maec, riaperto dopo tre mesi: si potrà visitare nel fine settimana

La riapertura, avvenuta nella mattinata di oggi, venerdì 29 maggio, proseguirà per tutto il periodo del fine settimana di inizio giugno. Le modalità di accesso al pubblico, fino a quando la situazione sanitaria e le opportunità di spostamento delle persone non saranno definite con maggiore chiarezza, seguiranno un calendario ridotto e limitato al solo week end

Il Maec di Cortona torna a essere accessibile a turisti e visitatori. La riapertura è avvenuta dopo quasi tre mesi di chiusura, nel rispetto delle disposizioni di legge emanate del governo per limitare il contagio da Covid 19.

Il Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona e il parco archeologico tornano quindi a essere visitabili benché con alcune limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria.

La riapertura, avvenuta nella mattinata di oggi, venerdì 29 maggio, proseguirà per tutto il periodo del fine settimana di inizio giugno. Le modalità di accesso al pubblico, fino a quando la situazione sanitaria e le opportunità di spostamento delle persone non saranno definite con maggiore chiarezza, seguiranno un calendario ridotto e limitato al solo week end.

La decisione è stata presa dal comitato tecnico che gestisce il museo e il parco archeologico – presieduto dal professor Nicola Caldarone – supportato, in tal senso, dal comune di Cortona, attraverso il proprio assessorato alla cultura (assessore Francesco Attesti) e dall’Accademia Etrusca. Aion cultura, dopo l’interruzione forzata per l’emergenza coronavirus, tornerà a garantire i servizi di accoglienza nelle due strutture.

"E’ un giorno importante per Cortona – affermano il sindaco Luciano Meoni, l’assessore alla cultura Francesco Attesti e il presidente del comitato tecnico scientifico, Nicola Caldarone – perché è un segnale ulteriore che la vita culturale cortonese, anche se con fatica, sta ripartendo".

"Dal punto di vista turistico – segnalano Meoni e Attesti – siamo impegnati a sostenere alcune iniziative che animeranno l’estate in città, pur con le limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria. Stiamo lavorando per creare le condizioni della ripartenza, e siamo convinti che, con il contributo di tutti, sia possibile lasciarsi alle spalle questa difficile situazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento