Domenica, 17 Ottobre 2021
Cortona Cortona

Incontro tra Pd e categorie economiche: "L’economia locale ha bisogno di interventi immediati e a lungo termine"

Il punto della situazione e una verifica degli interventi da mettere in campo già a partire dalla cosiddetta “Fase 2” per la ripartenza del nostro territorio

Ieri pomeriggio, la segreteria del Partito Democratico di Cortona e il gruppo consiliare Pd-Insieme per Cortona hanno avuto un incontro con le principali categorie economiche del territorio per fare il punto della situazione e verificare quali interventi possano essere messi in campo già a partire dalla cosiddetta “Fase 2” per la ripartenza del nostro territorio.

"Cogliamo l’occasione - affermano all'indomani dell'incontro - per ringraziare i rappresentanti di Confesercenti, Confcommercio, Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Consorzio Vini Cortona e gli imprenditori locali che hanno partecipato: confrontandoci in modo dettagliato, abbiamo potuto definire un elenco di priorità e obiettivi da raggiungere.

È stato riconosciuto da tutti i partecipanti che la crisi economica è senza precedenti e che saranno necessari interventi strutturali da parte del Governo nazionale; le riaperture dovrebbero tenere conto della situazione delle diverse aree geografiche, allo scopo di garantire una ripartenza più celere a quelle realtà, come la Toscana, dove la diffusione del virus è stata inferiore al Nord Italia".

Dall'incontro è emerso che la Regione sta ricoprendo un ruolo importante, anticipando anche alcune iniziative nazionali. Per questo motivo, il Pd si è preso l’impegno di dialogare  con i rappresentanti regionali affinché vengano effettuati gli interventi necessari.

"Sul piano locale, invece, non si può fare a meno di osservare il generale immobilismo rispetto alle questioni economiche: Cortona sta perdendo tempo e terreno rispetto ad altri Comuni, che hanno già avviato iniziative di promozione e defiscalizzazione a favore degli imprenditori.

Cortona ha perso in questi ultimi mesi il suo ruolo di ruolo di guida e capofila attivo dell’ambito Valdichiana, costringendo alcuni comuni limitrofi a seguire altre realtà in cui si opera fattivamente da diverso tempo".

Dal confronto con le realtà economiche, è emersa la necessità di muoversi su due piani temporali distinti, sul breve e sul lungo periodo.

Sul piano immediato, servono sostegni e incentivi per non far morire le realtà economiche e avere gravi ricadute sul livello occupazionale: "Sono necessari, pertanto, seri interventi di natura fiscale come la cancellazione della tassa sul suolo pubblico e della tassa di soggiorno, la gratuità dei parcheggi per tutto l’anno 2020, l’attivazione di un tavolo di concertazione affittuari/proprietari per misure di riduzione IMU a fronte di riduzione del canone (come avvenuto ad esempio a Firenze), nonché lo snellimento e la semplificazione degli iter burocratici a livello urbanistico-edilizio sugli spazi esterni dei locali per l’adeguamento ai nuovi livelli di sicurezza dovuti al Covid-19. Vanno ideate o ripensate le manifestazioni culturali ed enogastronomiche già consolidate". 

Sul lungo periodo, è emersa la necessità di interventi in grado di "gettare le basi per autunno e Natale 2020 e per la stagione 2021, investendo in risorse per la promozione turistica, anche attraverso i bandi regionali (già usciti e a cui l’Amministrazione non sembra essere interessata) e continuando nella valorizzazione delle nostre ricchezze come il Parco Archeologico, il Museo e Teatro Signorelli."

Cortona deve riappropriarsi al più presto del ruolo di guida e modello mantenuto fino a tempi recenti, quando ha assunto una posizione sempre più defilata, con iniziative bislacche come quella del brand e senza una progettualità a lunga scadenza.

Accolto inoltre l’appello degli ambulanti dei mercati alimentari: "Cortona è rimasto l’unico comune nella Valdichiana a non consentire lo svolgimento dei mercati, nel totale disinteresse dell’Amministrazione per questo settore, che non lo ha autorizzato neppure a Cortona o Terontola, dove avrebbe assunto dimensioni più piccole rispetto a Camucia. Ci auguriamo un immediato cambio di passo".

In conclusione, il Partito Democratico cortonese è pronto a fare la propria parte, pur essendo nella minoranza consiliare, nella convinzione – non condivisa dal nostro Sindaco, ma ce ne faremo una ragione – che in una situazione di emergenza le proposte non debbano avere colore politico ma solo guardare all’interesse della cittadinanza. È per questo motivo che i risultati dell’incontro saranno presentati dai nostri consiglieri alla Commissione Consiliare convocata il 30 aprile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incontro tra Pd e categorie economiche: "L’economia locale ha bisogno di interventi immediati e a lungo termine"

ArezzoNotizie è in caricamento