CortonaNotizie

Guarricino via dall'ortopedia della Fratta. Forza Italia: "Esodo figlio della sciagurata riforma Rossi-Saccardi"

"Strappi all’offerta sanitaria dovuti a politiche colpevoli Pd e sinistra. La riforma Rossi-Saccardi del 2015 lo strumento più sciagurato"

"Di nuovo la Asl Sud Est, di nuovo Arezzo, di nuovo un ortopedico: è come un dejà vu la nuova fuga di camice eccellente dal sistema sanitario pubblico. Protagonista sarebbe il dottor Roberto Guarracino, delle cui dimissioni ci giunge notizia".
Sono il coordinatore regionale onorevole Stefano Mugnai (vicecapogruppo di Forza Italia alla Camera) e il capogruppo in consiglio regionale Maurizio Marchetti a rendere nota la notizia che ancora una volta vedrebbe un medico degli ospedali aretini migrare verso altri lidi.

"Il dottore - spiegano i due portavoce di Forza Italia - è stato sin qui in forza all’ospedale di riferimento della Valdichiana aretina, ovvero quello cortonese di Santa Margherita alla Fratta, come dirigente medico. E’ uno sciame, quello che si è avviato con l’addio del dottor Stefano Caldora dall’ospedale San Donato di Arezzo, ed è destinato a non trovare ancora conclusione. Se confermata, la notizia sarebbe il segnale di un ulteriore impoverimento del sistema".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Valdichiana non pare risparmiata dal fenomeno: "Nessun territorio ne è esente - riflettono Mugnai e Marchetti - Eravamo purtroppo su questo stati facili profeti, e oggi prevedere che questo non sarà l’ultimo addio al sistema sanitario pubblico è una scommessa da ‘ti piace vincere facile’. A noi in verità avere ragione su questo spiace parecchio, perché quanto sta accadendo si ripercuote sul servizio ai cittadini. E’ la conseguenza inevitabile, e colpevole – additano i vertici regionali di Forza Italia – di politiche sanitarie miopi e sbagliate nelle fondamenta perché rivolte non alla persona e ai bisogni di cura, ma introflesse e piegate alla brama di consenso della sinistra di governo regionale. La riforma Rossi-Saccardi del 2015 ne è stato lo strumento più sciagurato, ma l’uscita di così tanti medici e di così alto spessore dal sistema segna il punto di non ritorno per il crollo del sistema".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento