menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
giorno-della-memoria_gen

giorno-della-memoria_gen

Giornata della memoria, a Cortona le scuole protagoniste

Nell'ambito delle iniziative legate alla Giornata della Memoria 2017, il Comune di Cortona in accordo gli Istituti Comprensivi Cortona1 e Cortona2, ha riproposto il "Progetto Memoria – Per non dimenticare". Si tratta di un concorso a tema che...

Nell'ambito delle iniziative legate alla Giornata della Memoria 2017, il Comune di Cortona in accordo gli Istituti Comprensivi Cortona1 e Cortona2, ha riproposto il "Progetto Memoria - Per non dimenticare".

Si tratta di un concorso a tema che coinvolge quest'anno gli studenti delle classi terze della scuola secondaria di primo grado di Camucia, Cortona, Fratta, Mercatale, Montecchio, Terontola. Gli alunni saranno chiamati a produrre lavori, da presentare ad una commissione, nel modo che ritengono più opportuno sul tema del concorso di quest'anno che è: "Non esiste esperienza anche atroce che l'uomo non possa vivere... ne porterà i segni nel corpo, le immagini negli occhi, il ricordo nella memoria, le sofferenze nell'anima... ma solo se conserverà la sua dignità di uomo potrà scegliere il proprio destino" Nato nel 2005, il Progetto Memoria, ha visto in tutti questi anni coinvolti gli alunni delle classi terze nella loro totalità. L'esperienza vissuta ha sempre spinto i docenti a riproporla, anche se in forme diverse, considerato il fatto che gli alunni hanno approfondito e sviluppato in maniera più incisiva il periodo storico affrontato nel Progetto che li ha resi coscienti e personalmente coinvolti. Il progetto ha portato gli studenti a visionare presso il teatro Signorelli di Cortona, martedì 26 gennaio il film Fateless (Senza destino) di Lajos Koltai del 2005, da cui è tratta la frase del tema del concorso Il film è tratto dal libro Essere senza destino del Premio Nobel Imre Kertész, che ne ha curato anche la sceneggiatura. Basato sul romanzo autobiografico di Imre Kertész, il film racconta la prigionia dello scrittore ungherese ebreo deportato, da bambino, nei campi di concentramento di Auschwitz e Buchenwald. Il 27 invece i ragazzi lavoreranno agli elaborati, che ogni anno producono lavori imponenti e accurati, che uniscono le varie discipline e capacità (sia grafiche che manuali che di elaborazione testi) e faranno un viaggio di studio nei luoghi della Memoria. In questi giorni, poi, un gruppo di studenti del Liceo Classico Luca Signorelli di Cortona sono in viaggio con il "Treno della Memoria" "Oggi più che mai è importante stringere in un grande abbraccio le vittime dell'Olocausto, dichiara il Sindaco Francesca Basanieri, e promettere solennemente che tutta la vita combatteremo perché questo non avvenga mai più. Sappiamo bene che mentre ci allontaniamo da quei giorni, e gli anni passano, si perde la memoria diretta e la testimonianza di quei tragici momenti. Lo studio della storia, la ricostruzione, la comprensione devono trovare lo spazio per interpretare il passato e permetterci di costruire un futuro migliore. La nostra Europa sta attraversando un momento di grande difficoltà economica ma anche culturale, ma il progetto fondamentale dell'Europa è di pace e convivenza, capace di guardare oltre i nazionalismi; capace di guardare avanti perché consapevole degli errori del passato e dell'orrore della Shoah. Senza questa consapevolezza, l'Europa non esiste. Per questo, conclude il Sindaco Francesca Basanieri, è importante partire dagli studenti che saranno in nuovi cittadini dell'Europa. Imparare ad essere cittadini europei vorrà sempre dire non dimenticare la nostra storia e trarre da essa una lezione di vita e di fratellanza, da mettere in pratica tutti i giorni. Essere europei vuol dire non dimenticare mai Auschwitz."
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

  • Scuola

    "Social ma non per gioco" i corsi per gli studenti di Foiano

  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento