menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, Veneri-Carini (Fdi): “Ato troppo grandi e dispersivi, servono dimensioni provinciali”

“Al pari delle macro-Asl, il sistema di gestione dei rifiuti basato su macro aree sta mostrando tutti i suoi limiti” sostengono il consigliere regionale ed il Presidente del consiglio comunale di Cortona.

 “Il sistema di gestione dei rifiuti basato su macro aree che coinvolgono più di 100 comuni sta mostrando tutti i suoi limiti, sia in termini di efficienza che di costi sulla bolletta del singolo cittadino. Il gestore ha i bilanci in rosso ormai da troppi anni, il sistema della macro-area non può funzionare” dichiarano il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Gabriele Veneri, ed il Presidente del Consiglio comunale di Cortona, Nicola Carini.

“È necessario cominciare a fare sistema tra le varie amministrazioni comunali coinvolte, magari guidate e coordinate dalla Provincia di Arezzo, per arrivare ad avere Ato provinciali, con l’obiettivo di “riportare a casa” la gestione dei rifiuti. Possiamo pensare ad una gestione condivisa -sottolineano Veneri e Carini- Lo strumento operativo per la gestione del ciclo dei rifiuti c’è già e si chiama Aisa, ente a partecipazione pubblica, del quale potrebbero far parte tutti i Comuni della provincia ed insieme assicurare la propria autosufficienza nella raccolta”.

“Si eviterebbe il ricorso a costose e farraginose procedure di gara per l’individuazione di gestori “esterni”, che si rivelano spesso più interessati a massimizzare i profitti che ad erogare un buon servizio -dichiarano gli esponenti del partito di Giorgia Meloni- Con questo nuovo strumento potremo infatti rispondere finalmente anche alle richieste dei sindacati dei lavoratori del settore, ad oggi precarizzati da un sistema che preferisce sfruttarli anziché investire in risorse umane. Al pari delle macro-Asl anche gli attuali Ato furono pensati dalle amministrazioni precedenti regionali e locali per ridurre i costi dei servizi, ma dopo molti anni di sperimentazione si è verificato l’esatto contrario. Va ripensato il sistema di gestione del ciclo dei rifiuti”.

Sempre sui rifiuti, il Gruppo Libera Castiglioni ha presentato una mozione in Consiglio comunale a Castiglion Fiorentino. “Si è reso necessario avviare una revisione del contratto di servizio Ato/Sei visto che il Comune di Castiglion Fiorentino si è astenuto in occasione dell’approvazione in assemblea Ato del nuovo metodo nazionale tariffario Arera, e visto che il nostro è un comune virtuoso sul fronte della raccolta differenziata che si attesta al 72,35% -fa sapere Marcello Orlandesi del Gruppo Libera Castiglioni- La nostra mozione è per comunicare ad Ato Toscana Sud e alla Regione la presa di posizione del Consiglio Comunale di Castiglion Fiorentino che chiede di ripensare il sistema delle tariffe, premiando quelle realtà locali che decidano di perseguire la scelta della differenziata spinta favorendo il riciclaggio dei materiali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento