Martedì, 28 Settembre 2021
Cortona

Cortona lancia la sfida allo sviluppo del territorio: il progetto HackCortona

La seconda competizione di creatività informatica HackCortona si è svolta con successo al centro Convegni S.Agostino tra il 2 ed il 3 settembre. Decine di giovani esperti informatici e programmatori provenienti da tutta Italia si sono ritrovati a...

La seconda competizione di creatività informatica HackCortona si è svolta con successo al centro Convegni S.Agostino tra il 2 ed il 3 settembre. Decine di giovani esperti informatici e programmatori provenienti da tutta Italia si sono ritrovati a Cortona per lanciare idee e provare ad immagine il futuro "Il progetto HackCortona, dichiara il Sindaco di Cortona Francesca Basanieri, nato da una partneship tra King's College di Londra Tech Society, Banca Popolare di Cortona e Comune di Cortona, ha trovato il sostegno di grandi aziende che ne hanno fatto un punto di riferimento nazionale per l'innovazione. A Cortona, infatti, erano presenti KCL Tech Society, MLH?Major League Hacking, GitHub, Bloomberg, .Tech domains, Uno Informatica, Amica Chips, la Scuola Normale Superiore di Pisa e CNR.

"Oltre a ciò, prosegue il sindaco, quello che mi ha colpito è stata anche la partecipazione ed il sostegno di tante piccole aziende cortonesi che hanno fornito i loro servizi dimostrando di credere in questo progetto, come ad esempio Molesini e Pasticceria Vannelli."

Tra tutti i team partecipanti il vincitore è stata la squadra composta da giovani provenienti da Perugina che hanno progettato una App molto divertente sulla realtà virtuale legata ad uno dei partner di HackCortona: Amica Chips.

Tra le varie squadre anche una molto particolare composta da tre giovanissimi di 8 anni che hanno lavorato ad un "piccolo/grande" progetto che ha messo insieme le costruzioni Lego e l'Informatica.

"Una sfida che si sentiamo di affrontare, afferma ancora il Sindaco di Cortona Francesca Basanieri, perché siamo consapevoli delle potenzialità di Cortona e del suo territorio, che hanno una grande vocazione turistica e produttiva, ma che devono spingere nella direzione dell'innovazione e della creatività giovanile.

Assieme alla Banca Popolare di Cortona abbiamo progettato e promosso questa maratona creativa che vedrà in campo circa centro giovani programmatori informatici e sono convinta che questa possa essere un'occasione speciale per i nostri imprenditori per comprendere i linguaggi del futuro e cogliere le opportunità che verranno da questi ragazzi.

A riprova di quanto Cortona sia appetibile per questo segmento di sviluppo vi è la presenza di alcune delle Istituzioni e delle aziende più prestigiose d'Italia e d'Europa, come la Scuola Normale Superiore di Pisa, Il CNR, il King's College di Londra, Bloomberg, IBM, Uno informatica ed altre. Starà a noi, conclude il Sindaco di Cortona Basanieri, far crescere questi rapporti e creare le condizioni per un nuovo sviluppo creativo, ma sono convinta che la strada è quella giusta."

"L'iniziativa di HackCortona, dichiara il Dir.Gen di Banca Popolare di Cortona Roberta Calzini, ha il compito di smuovere la nostra sensibilità verso il tema della possibilità per il nostro Territorio di impiantare una economia basata sulla conoscenza, come naturale evoluzione di quella che ha le sue fondamenta nell'ambiente ove abbiamo l'onore di poter vivere, nell'arte e nella cultura, nelle produzioni agricole e agroindustriali di qualità, nel turismo.

Si tratta di ricercare un nuovo modo di interpretare e valorizzare questi nostri elementi cercando sapientemente di discernere, e questa è la cosa più complicata, quello che passa velocemente da quello che può realmente durare.

Per fare questo, conclude Calzini, c'è bisogno almeno di tre cose: leadership, cioè una nuova classe di imprenditori che sappia accendere il fuoco dell'innovazione; sinergia tra tutte le componenti che interagiscono nel Territorio, il giusto coinvolgimento delle Istituzioni e dei centri di ricerca, professionalità, capitali, credito, e non ultimo consapevolezza da parte di tutti che non possiamo essere solo spettatori e utenti di un nuovo ordine delle cose; back to manufacturing, cioè tornare all'entusiasmo di fare le cose, sia esse materiali che immateriali." L'edizione 2017 di HackCortona ha creato attorno alla gara anche un contesto allargato: un evento con l'obiettivo di creare interesse ed attenzione sul tema dell'economia della conoscenza e sulla possibilità di poter sviluppare i primi semi di attività basate sull'innovazione e la tecnologia. Ospiti vari imprenditori e due giovani esperti che hanno raccontato la propria esperienza: il giovane fondatore di Start up, Matteo Achilli, dalla cui storia è stato tratto il film The startup. Achilli è il fondatore di Egomnia, il social network per chi offre e cerca lavoro, considerato il Mark Zuckerberg italiano, e l'Ingegner Raffaele De Lucia di IBM esperto in cognitive computing.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cortona lancia la sfida allo sviluppo del territorio: il progetto HackCortona

ArezzoNotizie è in caricamento