menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Emanuele Petri

Emanuele Petri

Cortona, cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato

Il sindaco ha proposto la concessione della cittadinanza onoraria del Comune di Cortona alla Polizia di Stato, il documento è stato approvato all’unanimità dal consiglio comunale

Il consiglio comunale di Cortonaha approvato un atto di indirizzo per la concessione della cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato.

E' stato il sindaco Luciano Meoni a proporlo per "rendere omaggio alle donne e agli uomini in divisa che quotidianamente lavorano per la sicurezza pubblica con particolare riferimento alle attività svolte nel territorio provinciale e del comune di Cortona".

"A Terontola - ha ricordato Meoni - è attivo un presidio di polizia ferroviaria. Nella nostra stazione era in servizio anche il sovrintendente capo Emanuele Petri, medaglia d’oro al valor civile che con il suo sacrificio ha permesso l’arresto dei brigatisti e la disarticolazione delle nuove br». Nel documento si ricorda come la Polizia di Stato sia impegnata ogni giorno, insieme a tutte le altre forze dell’ordine, nel controllo delle disposizioni per contenere la situazione pandemica e come costituisca un punto di riferimento per tutti i cittadini nel campo della prevenzione e repressione delle condotte criminali.

Il 2 marzo del 2003 la Polizia di Stato ha pagato un alto tributo di sangue - ha rimarcato il sindaco - quella tragica mattina, durante un conflitto a fuoco con i brigatisti sul treno regionale diretto a Firenze, perdeva la vita Emanuele Petri e rimaneva ferito il sovrintendente Bruno Fortunato, entrambi prestavano servizio presso il posto di polizia ferroviaria di Terontola. Nei controlli sul treno regionale era impegnato anche il collega Giovanni Di Fronzo. Fu grazie all’intervento di questi poliziotti che vennero arrestati i brigatisti e si svilupparono le indagini che portarono alla fine di quella scia di delitti compiuti dalle nuove br, una serie di crimini che costarono la vita a uomini dello Stato come Massimo D’Antona e Marco Biagi. Da rimarcare come il figlio di Emanuele Petri, Angelo, visto l’attaccamento alla divisa e al nostro territorio, abbia voluto ripercorrere il cammino del padre, chiedendo di entrare in servizio al posto di polizia ferroviaria di Terontola".

Per tutte queste motivazioni il sindaco ha proposto la concessione della cittadinanza onoraria del Comune di Cortona alla Polizia di Stato, il documento è stato approvato all’unanimità dal consiglio comunale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento