Cortona

28 nuovi operatori socio sanitari grazie al corso di alternanza scuola-lavoro

Avvenuta la consegna degli attestati di oss a Cortona

Mercoledì 10 marzo alle ore 9,30, presso l'Aula Magna “La Moderna” dell’IIS. L.Signorelli si è svolto, nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza in prevenzione alla diffusione del contagio covid, la cerimonia di consegna degli attestati di operatore socio sanitario, conseguiti dagli studenti degli istituti professionali per la sanità e l’assistenza sociale della provincia di Arezzo nell'ambito della sperimentazione scuola e Asl Toscana Sud-est.

Alla cerimonia erano presenti il sindaco di Cortona Luciano Meoni e ed i referenti della Asl Massimo Spighi e  Luciana Panicucci, i docenti delle quattro scuole coinvolte e gli alunni protagonisti dell’evento.

Le scuole interessate presenti alla cerimonia sono la Severini di Cortona che è la capofila del progetto, il Margaritone di Arezzo, il Benedetto Varchi di Montevarchi e il G. Giovagnoli di Sansepolcro. L’iniziativa ha coinvolto, nella provincia di Arezzo 28 alunni di cui 13 facenti parte del nostro istituto di Cortona. Si tratta di una sperimentazione finanziata dalla Regione Toscana che permette agli alunni dei professionali socio sanitari di acquisire il diploma di Oss subito dopo l'ottenimento del diploma di Stato. Il risultato è stato possibile grazie ad un percorso di alternanza scuola lavoro all'interno della Asl e delle Rsa compiuto durante il triennio.

Ha aperto la cerimonia il dirigente scolastico Maria Beatrice Capecchi che ha dichiarato: “Nel contesto storico attuale poter offrire al nostro territorio provinciale ben 28 nuovi operatori sociosanitari che possono immediatamente prestare servizio è motivo di orgoglio per i nostri istituti. La collaborazione con l'Azienda Sanitaria Locale è stata ottima. L'obiettivo a cui abbiamo puntato è stato quello di formare OSS attraverso una collaborazione sinergica tra la scuola e la Asl, programmando insieme contenuti, metodi, strategie d’intervento permettendo ai nostri alunni di velocizzare i tempi per l'acquisizione del titolo. Questo progetto è significativo per più motivi in quanto permette agli operatori socio sanitari l'ottenimento di un lavoro immediato, l'acquisizione di conoscenze e competenze dirette all'interno della Asl e una formazione di alto livello”.

Il sindaco Meoni presente come nella prima edizione ha manifestato il piacere di incontrare gli alunni che hanno intrapreso un percorso scolastico che li porterà a svolgere un lavoro dedicato al sociale ed ha dichiarato l'importanza e la responsabilità di questa tipologia di lavoro che si rivolge al benessere della comunità augurando loro il meglio per il  futuro.

Significativo è stato l’intervento dell’alunna Roberta Genca che ha deciso di acquisire l'attestato di Oss avendo ricevuto il consiglio di un'amica diplomata lo scorso anno che le ha testimoniato con tanto entusiasmo il desiderio di affrontare una tipologia di lavoro che poteva metterla al servizio dell'altro e portare sollievo agli altri. “Essere sostegno per l’altro- ha dichiarato Roberta - è stato il motivo che mi a spinto ad arrivare a questo traguardo ed oggi ne sono felice."

Non sono mancati gli auguri ai ragazzi da parte del dottor Massimo Spighi che ha ricordato le difficoltà nel gestire tirocini e stage in questo contesto pandemico ma anche la volontà di continuare questa sperimentazione che oltre a portare ottimi risultati dà possibilità di immergersi immediatamente nel mondo del lavoro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

28 nuovi operatori socio sanitari grazie al corso di alternanza scuola-lavoro

ArezzoNotizie è in caricamento