menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I sindaci che hanno partecipato al vertice che si è tenuto questa mattina

I sindaci che hanno partecipato al vertice che si è tenuto questa mattina

Contagio in Valdichiana, vertice dei sindaci e aumento delle protezioni. Altri due cortonesi in quarantena

Dopo il risultato positivo al contagio dal coronavirus nel paziente ricoverato alla Fratta e poi trasportato al San Donato per l'aggravamento delle condizioni, sono salite a sette le persone in quarantena

Il sindaco di Cortona, in costante contatto con le autorità sanitarie, fa sapere che altre due persone, entrambe residenti nel territorio del comune di Cortona, sono state poste in quarantena domiciliare a scopo precauzionale.

"Il provvedimento – spiega il primo cittadino - è stato preso solo a scopo di prevenzione, viste le normative vigenti". Prevista quindi la ormai consueta sorveglianza attiva nella loro residenza, per quattordici giorni. Le persone in quarantena domiciliare, nel territorio del comune di Cortona, sono oggi sette.

Coronavirus, personale dell'ospedale della Fratta in quarantena per il contatto con l'ottavo contagiato

Primo caso di coronavirus in Valdichiana: paziente spostato in terapia intensiva

Il vertice dei sindaci di Corotna, Foiano e Castiglion Fiorentino

Si è svolta questo pomeriggio, presso la sede dell’ufficio manutenzione del comune di Cortona, in località Vallone, sede del Centro operativo comunale e del Centro operativo intercomunale, una riunione tecnico-organizzativa per affrontare l’emergenza sanitaria legata al Covid-19.
All’incontro hanno partecipato i sindaci dei comuni di Cortona, Luciano Meoni, di Castiglion Fiorentino, Mario Agnelli, e di Foiano della Chiana, Francesco Sonnati. Presenti anche i comandanti delle polizie locali delle tre municipalità, la responsabile della protezione civile del comune di Cortona, Lisa Ortolani, e i rappresentanti della Vab di Cortona e Castiglion Fiorentino.
Si è trattato di un confronto lungo e articolato, nel quale sono stati chiariti gli aspetti principali per la corretta gestione della fase emergenziale: rapporti di collaborazione fra i comuni, gestione del flusso e del coordinamento delle informazioni - soprattutto per gli esercizi commerciali e le farmacie (per verificare la corretta applicazione del decreto ministeriale) - pubblicità ramificata fra i tre comuni e gestione complessiva delle eventuali criticità.
Durante l’incontro si è convenuto di accrescere la dotazione di supporti sanitari (mascherine, guanti) per coloro che compiono operazioni di controllo in luoghi sensibili, o lavorano a stretto contatto con persone ritenute potenzialmente più esposte all’eventuale contagio (anziani, ammalati).
I sindaci dei tre comuni, e le rispettive strutture municipali, si mettono, dunque, a disposizione dei propri cittadini e ricordano di essere in costante contatto con le autorità sanitarie competenti, per garantire un’informazione corretta, senza creare inutili allarmismi.
Al momento, non sono non sono stati attivati né il Centro operativo comunale, né quello intercomunale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento