CortonaNotizie

Area ex Maialina a Camucia, non solo giardini e parco giochi ma anche area archeologica

Il sindaco di Cortona, Francesca Basanieri: “Le novità evidenziate dagli scavi sono un’opportunità per realizzare un’opera ancora più bella ed attraente per la comunità”

il sindaco di Cortona, Francesca Basanieri

In questi giorni sono iniziati i lavori di movimento terra per l’avvio del recupero dell’area ex Maialina a Camucia, dove sorgerà un’area verde ed un parcheggio. Tutti questi interventi, in ottemperanza con la legge, sono realizzati in coordinamento stretto con la Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dopo i primi scavi i tecnici della Soprintendenza - dichiara il sindaco di Cortona, Francesca Basanieri - ci hanno informato di alcuni ritrovamenti. Questa mattina, venerdì 9 novembre, abbiamo fatto un sopralluogo con gli archeologi ed i tecnici per visionare ciò che è emerso. Naturalmente al momento non siamo in grado di determinare l’importanza di questi ritrovamenti, che comunque dimostrano ancora una volta l’importanza storica ed archeologica di tutto il territorio di Cortona, ma assieme alla Soprintendenza abbiamo definito un percorso di intervento che possa garantirne la salvaguardia e contemporaneamente la realizzazione di quest’opera così importante per Camucia. Nell’area della ex Maialina, infatti, sorgerà non una speculazione o un immobile o quant’altro, ma un’area verde coprogettata anche assieme ai ragazzi delle scuole e alla popolazione, un’opera cofinanziata con fondi del GAL – Consorzio Appennino Aretino e che darà un volto molto più bello e vivibile a Camucia. Tutto ciò senza penalizzare i resti archeologici individuati, anzi valorizzandoli. L’idea alla quale stiamo lavorando con la Soprintendenza, infatti, è quella di creare appositi spazi definiti e protetti per questi ritrovamenti ed inserirli armonicamente nell’area verde. Non vogliamo ripetere errori fatti in passato, anzi da essi abbiamo imparato a monitorare ed intervenire con maggiore efficacia e in questo caso, nel rispetto assoluto della legge e delle competenze, saremo in grado di lavorare per una soluzione giusta e rispettosa di tutti. L’area ha un valore enorme per la città di Camucia, per decenni ha ospitato prima un campo di calcio e poi un’area di sosta indistinta, noi vogliamo che quest’area sia un luogo accogliente, vitale e anche funzionale alla comunità con fontane, giochi, spazi creatività. Questi ritrovamenti possono essere un’opportunità per fare un parco ancora più bello e attraente. Nelle prossime settimane continueremo a coordinarci con la Soprintendenza per definire tutto il percorso idoneo alla realizzazione di quest’opera”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1823 casi in Toscana. 15 i decessi in 24 ore

  • Dilettanti, è ufficiale: stop ai campionati

  • Covid. Ecco la nuova ordinanza regionale. Giani: "Verso didattica a distanza e presenze contingentate nei centri commerciali"

  • Coronavirus nell'Aretino: +252 casi oggi. I contagi per comune. Esauriti i posti in Terapia intensiva al San Donato

  • 92 nuovi positivi nell'Aretino, più della metà nel capoluogo. Salgono a 79 i ricoveri

  • Coronavirus, marito e moglie muoiono a distanza di 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento