menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesca Basanieri, ex sindaco di Cortona

Francesca Basanieri, ex sindaco di Cortona

Fondazione Valdichiana Promozione. Agnelli: "No a presidenti politici", la replica di Basanieri: "Gli faccio ombra?"

Botta e risposta tra il sindaco di Castiglion Fiorentino e l'ex primo cittadino cortonese che si sono affrontati sui ruoli ricoperti all'interno della neo nata realtà di promozione territoriale

"Il ruolo di presidente non deve essere affidato ad un politico". 
A sostenerlo è il sindaco di Castiglion Fiorentino Mario Agnelli che, proprio nelle ultime giornate, è intervenuto circa la questione riguardante la Fondazione Valdichiana Promozione che si occupa di portare sviluppo e occasioni di crescita per la comunità locale.

La nascita di questa realtà è avvenuta lo scorso anno e, nell'occasione, la presidenza era stata assegnata a Francesca Basanieri, all'epoca sindaco di Cortona. 

La guida della Fondazione - ha sostenuto Agnelli - dovrebbe essere affidata ad un tecnico del settore esperto magari anche di economia e di finanziamenti. Non ho pregiudizi nei confronti di Francesca Basanieri ma, il suo nome era stato indicato come sindaco pro tempore del comune di Cortona. Oggi quel ruolo è ricoperto da un'altra persona.

Dunque, secondo Agnelli "il ruolo del presidente non dovrebbe andare ad un politico, perché finirebbe per essere vincolato alla durata del suo mandato o condizionato dalla sua appartenenza politica. Ma dovrebbe avere vita propria".

Pronta la replica da parte dell'ex primo cittadino cortonese, Francesca Basanieri che attraverso una nota stampa sottolinea come: 

Faccio ombra ad Agnelli? Non pensavo che questo ruolo, ovvero il presidente di un associazione senza scopo di lucro, fosse politicamente conteso ma, evidentemente, si vogliono mantenere schemi di potere che hanno l’unico obiettivo di unire le migliori iniziative imprenditoriali della Valdichiana per creare opportunità di lavoro e sviluppo. E’ un classico della destra; lo abbiamo visto recentemente anche nella Commissione Pari Opportunità della Provincia. Anche in questo caso, nonostante non fosse mai stato un argomento di interesse del centrodestra, si voleva comunque imporre un nome di area. Agnelli non ha mai partecipato alle riunioni della Fondazione delegando sempre l’assessore Milighetti con il quale, tra l’altro, si lavora molto bene e in maniera costruttiva. C’è tuttavia una nota positiva in questo suo commento. Se ha catturato così tanto il suo interesse, vuol dire che stiamo andando nella direzione giusta e che in pochi mesi la Fondazione, appoggiata all’inizio solo da pochi, sta dando i suoi risultati e sta diventando un punto di riferimento per l’intera Valdichiana. La Fondazione, lo ricordo, è un insieme di forze del territorio dove ci sono i comuni, ovviamente, come rappresentanti dei propri cittadini ma anche sopratutto, e in maggior numero, le forze produttive, economiche e sociali di tutta la Valdichiana aretina e senese insieme. Non è dunque un luogo dove ci sono “poltrone da spartire” ma solo cose da fare. L’eventuale uscita del comune di Castiglion Fiorentino non precluderebbe, tra l’altro, in nessun modo l’ingresso e la partecipazione di aziende e cittadini di quel comune ai lavori della Fondazione ma solo l’assenza di un intermediario e punto di riferimento istituzionale. Anche il mio ruolo (come quello del vice presidente Benicchi, di tutto il cda e del comitato scientifico) è meramente operativo e non politico, tecnico appunto, volontario e senza nessun compenso e, all’epoca, quando già avevo espresso la volontà di non ricandidarmi, decidemmo tutti insieme di scegliere il mio nome anche in questa ottica unitamente alle mie competenze professionali legate alla progettazione europea e all’innovazione. Tuttavia, non voglio in nessun modo che la questione possa essere di ostacolo al lavoro della Fondazione in un momento di estrema vivacità di idee e obiettivi; per questo motivo e per correttezza nei confronti di tutta la squadra rimetto il mio “ruolo” in mano al consiglio direttivo che deciderà per il meglio anche in base allo statuto vigente ma sia chiaro che la mia ferma volontà è quella di andare avanti in questo mio impegno civico per il bene comune  combattendo come sempre le strumentalizzazioni politiche e i giochi di potere, orgogliosa di aver contribuito in maniera determinante alla nascita di questa iniziativa e di aver creduto, in tempi non sospetti, alla bontà di un progetto comune tra le due Valdichiane che hanno eccellenze e potenzialità che solo se unite possono dare i loro frutti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento