CasentinoNotizie

Ceduo e paesaggio: un webinar per trovare soluzioni condivise

Lo scorso 10 novembre si è tenuto un webinar organizzato da Officine Capodarno, DREAm Italia e Compagnia delle Foreste, per discutere di governo ceduo e tutela del paesaggio, a seguito di un recente parere della Sovrintendenza che rischia di bloccare la gestione a ceduo di molte aree forestali della Toscana e non solo

Lo scorso 10 novembre si è tenuto un webinar organizzato da Officine Capodarno, DREAm Italia e Compagnia delle Foreste, a cui hanno partecipato oltre 530 persone, per discutere di governo ceduo e tutela del paesaggio, tema tornato di grande attualità a seguito di un recente parere di una Sovrintendenza di Siena, Grosseto e Arezzo che, di fatto, rischia di bloccare la gestione a ceduo di molte aree forestali della Toscana e non solo.
Questo parere ha creato molta preoccupazione tra gli addetti ai lavori, tant’è che 23 sigle del settore forestale, rappresentanti del mondo scientifico, tecnico, operativo, della certificazione della gestione forestale sostenibile e delle popolazioni di montagna, hanno sottoscritto una lettera rivolta ai Ministri Bellanova e Franceschini, al Governatore della Toscana Giani e agli Assessori regionali competenti per esprimere le proprie ragioni, nettamente discordanti da quelle della Sovrintendenza.
Un gruppo di tecnici e ricercatori ha anche scritto un articolo approfondito sul tema, pubblicato sul sito delle riviste forestali Sherwood e Forest@. 
Secondo gli esperti, il parere della Sovrintendenza è contrario a quanto definito dalla Convenzione Europea sul Paesaggio, dal Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio e addirittura dal Piano paesaggistico della Regione Toscana e rischia non solo di innescare processi evolutivi che porterebbero in tempi brevi alla perdita del paesaggio rurale tradizionale dell’area, ma anche di mettere a rischio centinaia di posti di lavoro in aree già di per sé marginali e svantaggiate.
Inoltre, oggi, alcuni prodotti normalmente ritraibili dai cedui in esame, ovvero la paleria, sono alla base di un altro paesaggio locale storico e tutelato, ovvero quello delle colline vitate, dove i pali di castagno fungono da tutore delle piante di vite e sono elementi caratterizzanti del paesaggio toscano e non solo che la normativa nazionale vigente tutela e vuole conservare.
Il webinar, coinvolgendo esperti del settore forestale, ha raccolto punti di vista normativi, tecnico-scientifici, politici e ha delineato possibili soluzioni da mettere in campo sia nel breve che nel medio-lungo periodo.
La registrazione completa del webinar è disponibile sulla Pagina Facebook di Sherwood e sul Canale Youtube di Compagnia delle Foreste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

  • Coronavirus: 658 nuovi casi e 32 decessi. I dati di oggi della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento