CasentinoNotizie

La lista civica "Avanti Insieme" contro la legge sul taglio boschivo

I consiglieri Daniele Bronchi e Concetta Fusco hanno promosso una mozione per il taglio boschivo a favore delle aziende del territorio e nella direzione di un alleggerimento burocratico

Il gruppo consiliare, lista civica "Avanti Insieme", in particolare i consiglieri Daniele Bronchi e Concetta Fusco, hanno promosso una mozione per il taglio boschivo a favore delle aziende del territorio e nella direzione di un alleggerimento burocratico, che è stata inviata al presidente della Regione Toscana. 

Il concetto fondamentale su cui ruota la mozione è la difficoltà che attualmente riscontrano le aziende boschive a livello burocratico. Bronchi commenta: “Sono previste ben cinque autorizzazioni necessarie al taglio boschivo, oltre a quella regionale, in questo modo i tempi diventano lunghissimi e le aziende dal 15 settembre dovranno attendere almeno ulteriori 60/90 giorni, con un aumento dei costi stimato in circa 700-1000 euro. In un periodo come questo la cosa rischia di mettere a terra queste aziende e questi lavoratori”. 

Coldiretti Toscana e Anci Toscana si sono già schierate contro il provvedimento. 

Bronchi commenta ancora: “L’applicazione di questa disposizione da parte dei comuni rischia di comportare ingenti danni per il patrimonio forestale regionale, per numerose proprietà private più o meno grandi le quali traggono dalle utilizzazioni forestali importanti risorse. Il rischio più grande che corriamo è quello dello spopolamento ulteriore di alcune aree”.

Il consiglio quindi si è espresso nella direzione sollecitata dalla lista civica per ridurre i contenuti ed i tempi richiesti per l’autorizzazione in modo da salvaguardare la stagione in corso e tutelare le imprese.

I numeri parlano chiaro: in Toscana la superficie boschiva ricopre il 47% del territorio, per un totale di circa 1 milione e 200mila ettari mentre il settore conta un numero di imprese che sfiora le 13mila unità ed i 40mila addetti. 

Credo di conoscere i boschi Casentinesi palmo a palmo, camminandoci dentro, ne ho visti molti anche in giro per la.Toscana. Non mi piacciono gli alberi tagliati e non taglio alberi. Ma non accetto che si faccia disinformazione. Ogni albero ogni anno si accresce in diametro e in altezza. Ci sono almeno 3 milioni di alberi nei boschi Casentinesi. Sommando l'anello di ogni anno e l'incremento in altezza per 3 milioni viene fuori 10 milia metri cubi cioè 70.000 quintali, di questo incremento ne vinene prelevato ogni anno meno del 50%.
Il 70% di questi boschi è su area privata. I privati cittadini avranno pure la libertà di disporre delle proprie proprietà come meglio credono, nel rispetto della legge naturalmente. Fare selvicoltura, cioè coltivare boschi, in Casentino è un mestiere antico come l'uomo e non prendiamo lezioni da nessuno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Arrivati i nuovi vaccini Covid: ecco chi può accedere e come prenotarsi. Arezzo al top per somministrazioni

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento