Venerdì, 18 Giugno 2021
Casentino

Dai ragazzi dei centri diurni regali agli anziani della casa di riposo di Castel San Niccolò

L’obiettivo di questo regalo così speciale non è stato solo quello di sorprendere gli ospiti, ma anche e soprattutto di creare relazione e incontro permettendo agli anziani di uscire, per un attimo, dalla quotidianità entrando in relazione con gli altri

“Ho subito accolto con favore l'idea di donare agli ospiti della casa per anziani di Castel San Niccolò alcuni quadri realizzati dai ragazzi ceh frequentano i centri di socializzazione Pesciolino Rosso di Pratovecchio e Tangram di Rassina nei quali insegno da molti anni pittura e ceramica – ha commentato Mario Bettazzi - già in passato altre opere erano state donate alla Rsa di Poppi. Sono quadri dai colori vivaci e dalle immagini  accattivanti che rappresentano numerosi luoghi dell'anima e del territorio degli autori e che appena posizionate nelle sale comuni della struttura, hanno  stimolato gli ospiti catturando la loro curiosità e il loro interesse”.

L’obiettivo di questo regalo così speciale non è stato solo quello di sorprendere gli ospiti, ma anche e soprattutto di creare relazione e incontro permettendo agli anziani di uscire, per un attimo, dalla quotidianità entrando in relazione con gli altri. Le opere pittoriche inoltre hanno reso l’ambiente residenziale più accogliente, caldo, adatto alle necessità ed alle patologie dei residenti senza essere forzosamente sanitario, ma il più possibile vicino al modello della casa, offrendo la possibilità di immergersi in un'atmosfera culturalmente stimolante.

“È risaputo quanto l'utilizzo di arti visive in ambienti sanitari  svolga un ruolo determinante nel potenziamento della qualità stessa del servizio offerto – ha aggiunto Bettazzi - nel raggiungimento di un maggior benessere delle persone coinvolte in tali ambienti (come personale di servizio, visitatori e familiari dei pazienti) e, in particolare quanto possa indurre benefici risultati clinici e psicologici sui pazienti stessi, migliorandone il tono dell’umore. L'influenza dell'ambiente sul loro immediato senso di benessere e di recupero effettivo è notevole ed è stata oggetto di molti studi a partire dagli anni '80. Questi hanno ampiamente dimostrato l'impatto dell'ambiente architettonico, che può contribuire all'esito positivo e significativo del trattamento dei pazienti e può avere un' influenza sulla loro  salute per la semplice ragione che la luce, il design, l'atmosfera dell'ambiente, la presenza di quadri agiscono sulla psiche modificando la reazione emotiva allo stress legato alla preoccupazione per il proprio stato di salute”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai ragazzi dei centri diurni regali agli anziani della casa di riposo di Castel San Niccolò

ArezzoNotizie è in caricamento