menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Duecentomila euro per la digitalizzazione del Casentino

L’Unione dei Comuni del Casentino guarda al futuro con un progetto innovativo premiato dalla Regione Toscana attraverso un contributo di 200 mila euro

Con il processo di digitalizzazione, fortemente aumentato nella fase pandemica, l’Unione dei Comuni del Casentino guarda al futuro con un progetto innovativo premiato dalla Regione Toscana attraverso un contributo di 200 mila euro. L’obiettivo è quello di aggiornare la rete che collega i comuni all’Ente, rendendola più efficiente in modo da garantire servizi istituzionali via web al passo con i tempi, ma anche servizi di connessione veloce a tutti quei cittadini che risiedono in aree montane e che riscontrano delle difficoltà. L’ufficio informatico dell’Unione ha così realizzato un progetto che si è classificato quinto in Toscana e che punta a realizzare tre diversi interventi: accelerare la digitalizzazione con una connessione rapida che consenta servizi come video conferenze efficienti e funzionali, potenziare la connessione tra i singoli comuni e gli uffici dell’Unione per risposte più rapide ai cittadini e infine creare delle aree nel territorio in cui la popolazione possa usufruire della connessione veloce e gratuita, per partecipare ad esempio a corsi di lavoro o seguire lezioni di didattica a distanza. Ai 200 mila euro messi a disposizione dalla Regione, l’Unione per la realizzazione del progetto aggiungerà circa altri 20 mila euro.

“Siamo molto soddisfatti del lavoro portato avanti dall’ufficio informatico dell’Unione che ha elaborato un progetto premiato dalla Regione – hanno dichiarato congiuntamente il presidente dell’Unione Lorenzo Ricci e l’assessore di riferimento Valentina Calbi  – finalmente aggiorneremo un’infrastruttura oggi fondamentale e per troppo tempo trascurata, assicurando migliori servizi ai cittadini, sia in termini di risposte tempestive e di efficienza da parte degli uffici, che di connessione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento