CasentinoNotizie

Eroi della Folgore morirono a Monte Pomposo: le celebrazioni del 75esimo anniversario

Venerdì 6 settembre la commemorazione di Eldo Capanna ed Otello Boccherini, giovani paracadutisti della Folgore uccisi dai tedeschi nel settembre 1944 in località Monte Pomponi

È in programma venerdì 6 settembre in località Monte Pomponi la cerimonia di commemorazione del Tenente Eldo Capanna e del Sergente Otello Boccherini, giovani paracadutisti della Folgore caduti per mano dei tedeschi il 3 settembre 1944.

Nato dallo sfaldamento della Divisione Paracadutisti “Nembo” dopo l’8 settembre 1943, il I squadrone da ricognizione “Folgore”, Squadrone F, si pose al servizio delle Forze Alleate, inquadrato all’interno della I Divisione Canadese ed impiegato in missioni esplorative dietro le linee nemiche con il compito di aprire la strada alle truppe angloamericane. Nel settembre 1944 alcune squadre furono inviate in Casentino con l’obiettivo di fornire informazioni sull’attività tedesca nelle zone del Passo della Consuma e del Monte Falterona. Eldo Capanna ed Otello Boccherini,  in missione nella zona di Monte Pomponi, vennero catturati e, dopo atroci torture, furono uccisi il 3 settembre 1944 dai soldati della Wehrmacht, rifiutandosi di fornire  informazioni sui movimenti delle Forze Alleate.

Sul luogo del massacro un monumento ricorda gli “Eroi dello Squadrone F” decorati con la Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria.

Il programma del 75° anniversario prevede alle ore 10.30 il ritrovo presso il Kauzen Stadium di Pratovecchio con successivo trasferimento a Monte Pomponi dove, alle ore 11.00, avrà luogo la cerimonia ufficiale alla quale interverranno il Tenente Colonnello Christian Passarini, in qualità di sostituto del comandante del 185º Reggimento Paracadutisti Ricognizione Acquisizione Obiettivi “Folgore” di Livorno, Michele Ausilio, vicesindaco di Pratovecchio Stia, il generale Enrico Pollini, segretario generale dell’Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia, Giuliano Caroti, presidente dell’ ANPd'I sezione di Arezzo, gli eredi di Capanna e Boccherini  e rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma. 

La cerimonia si concluderà con lo spettacolare aviolancio di un gruppo di paracadutisti del 185º RRAO, unità di forze speciali inquadrata nel Comando delle Forze Speciali dell’Esercito (Comfose). Ricordiamo che, per l’importante contributo dato alla memoria di Capanna e Boccherini, il 4 novembre 2018 l’Amministrazione comunale ha conferito la cittadinanza onoraria di Pratovecchio Stia alla Bandiera di Guerra del Rrao, oggi erede del primo reparto paracadutista da ricognizione della storia italiana.

Eldo Capanna nato ad Anzio nel 1917 Tenente cpl. Fanteria, paracadutista Div. Nembo

 Motivazione della Medaglia al Valor Militare alla Memoria.

“Ufficiale paracadutista di alte virtù militari, durante una rischiosissima azione esplorativa oltre le linee tedesche, nel generoso tentativo di riportare indietro un sottufficiale ferito, cadeva con lui prigioniero. Sottoposto ad atroci torture, perché rifiutava di fare rivelazione sulla nostra situazione, le sopportava con serena fierezza finché veniva barbaramente trucidato a colpi di pugnale e di bastone. Magnifico esempio di stoicismo e di elevato senso del dovere”.

Otello Boccherini nato a Roma nel 1918. Sergente Genio, paracadutista Div. Nembo

Motivazione della Medaglia  al Valor Militare alla Memoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sottufficiale paracadutista di alto rendimento, volontario di un reparto di arditi di ricognizione, caduto ferito e fatto prigioniero durante una difficilissima azione esplorativa oltre le linee tedesche, rifiutava sdegnosamente di fare rivelazioni relative al suo reparto nonostante le atroci sevizie alle quali veniva sottoposto dai tedeschi che, infine, lo trucidarono barbaramente a colpi di bastone.  Esempio di eroico stoicismo e di elevato senso del dovere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento