Pratovecchio Stia

Vergogna nell'Arno, l'anatra che non riesce a togliersi la mascherina

L'immagine scattata da un nostro lettore nei pressi di Stia, in Casentino. "Nelle mie passeggiate trovo ovunque le mascherine: Pratomagno, Fangacci, Camaldoli, Falterona. Tra l’altro, sono un rifiuto speciale", dice

Mascherine chirurgiche abbandonate, la nuova frontiera del degrado. Lo scatto in copertina è di un nostro lettore, Jacopo Casali, che, nel corso di una passeggiata in Casentino, si è imbattuto nella vergogna di un volatile - un'anatra, in particolare una femmina di germano reale - che non riusciva a disfarsi di una mascherina, abbandonata sciaguramente nel verde e rimasta appesa al suo collo. "Nelle mie passeggiate trovo ovunque le mascherine: Pratomagno, Fangacci, Camaldoli, Falterona. Tra l’altro, sono un rifiuto speciale", dice. Purtroppo Jacopo non ha potuto raggiungere l'animale per poterlo aiutare, trovandosi a distanza (la foto è stata scattata col teleobiettivo) e in un zona assai impervia.

jacopo casali-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vergogna nell'Arno, l'anatra che non riesce a togliersi la mascherina

ArezzoNotizie è in caricamento