CasentinoNotizie

Grande cerimonia a Pratovecchio Stia per il 4 novembre. Il ricordo degli eroi dello Squadrone F

Ricco programma di iniziative domenica 4 novembre a Pratovecchio Stia per le celebrazioni del Giorno dell'Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate

Ricco programma di iniziative domenica 4 novembre a Pratovecchio Stia per le celebrazioni del Giorno dell'Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate.

La cerimonia ufficiale prenderà il via a Stia (ore 15.30) con il corteo da piazza Tanucci al cimitero monumentale, dove sarà deposta una corona d’alloro al monumento ai Caduti di tutte le guerre.

A seguire, le celebrazioni proseguiranno a Pratovecchio con il ritrovo in piazza Maccioni (ore 16.30), la sfilata per le vie del paese e la commemorazione presso Parco delle Rimembranze.

Alle 17 appuntamento al Teatro degli Antei con La Grande Guerra, spettacolo per banda, coro e voci narranti con musiche, canti e letture nel centenario della fine del primo conflitto mondiale.

Sul palco oltre 50 musicisti delle filarmoniche “Enea Brezzi” e “Gaetano Trapani”, diretti dai Maestri Leonardo Rossi e Walter Donati ed accompagnati dal coro della Schola Cantorum Saione di Arezzo e dalle voci di Massimo Martini e Alvaro Verdi.  Saranno eseguiti brani musicali e canzoni dell'epoca quali Addio, mia bella addio, Monte Nero,  Monte Pasubio, Tranta Sold, Il testamento del Capitano, O Gorizia tu sei maledetta, La leggenda del Piave,  Era una notte che pioveva, Sul ponte di Bassano, Addio, padre e madre, addio, La canzone del Grappa, Sui Monti Scarpazi, La Campana di San Giusto… Musiche composte per aumentare il senso di appartenenza ad un gruppo, per sollevare gli animi o per esorcizzare la paura della morte, sempre in agguato. Altre narrano di amori lontani, di speranze, di lontananza dalla casa e dall'affetto materno o glorificano le gesta eroiche, esaltandone il coraggio e il sacrificio.

In occasione del concerto si terrà la cerimonia di conferimento della Cittadinanza Onoraria di Pratovecchio Stia alla Bandiera di Guerra del 185° Reggimento Paracadutisti Ricognizione Acquisizione Obiettivi “Folgore”, unità di Forze Speciali inquadrata nel Comando delle Forze Speciali dell’Esercito (COMFOSE).

Un riconoscimento con il quale l’Amministrazione Comunale intende esprimere la stima e la gratitudine della comunità di Pratovecchio Stia al 185°RRAO per la partecipazione alle recenti commemorazioni del Tenente Eldo Capanna e del Sergente Otello Boccherini, giovani paracadutisti del I Squadrone da Ricognizione “Folgore”, noto come “Squadrone F”, che persero la vita per mano dei soldati tedeschi il 3 settembre 1944 in località Monte Pomponi.

Negli ultimi anni il 185° RRAO ha infatti contribuito ad onorare la memoria ed il sacrificio degli “Eroi dello Squadrone F”, ereditandone lo spirito ed i valori e custodendone con devozione i simboli: dalla Bandiera di Guerra (che fu del 185° Reggimento Paracadutisti “Nembo”, dal quale nacque lo “Squadrone F”) al nuovo fregio che ricalca quello dello “Squadrone F”.

Per questo i paracadutisti del 185° RRAO sono oggi gli eredi del primo reparto paracadutista da ricognizione della storia italiana, orgogliosi di tramandare il coraggio, lo spirito e gli ideali di quegli uomini valorosi che sacrificarono la vita per la libertà del Popolo Italiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla cerimonia interverranno, oltre al sindaco Nicolò Caleri, il Comandante del 185° RRA

O, Colonnello Andrea Vicari, rappresentanze militari, delle forze dell’ordine e delle associazioni combattentistiche e d’arma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento