CasentinoNotizie

Casentino 2030: una nuova associazione per discutere e progettare il futuro del territorio

L’associazione “Casentino 2030” organizza una serie di incontri on line con esperti di tutta Italia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ArezzoNotizie

“Noi amiamo e viviamo la comunità e il territorio di Pratovecchio Stia. Amiamo e viviamo il Casentino. Vogliamo che siano luoghi dove sia possibile e piacevole vivere, far crescere i nostri figli e invecchiare; dove anche coloro che adesso sono giovani possano vivere, far crescere i loro figli e invecchiare. Vogliamo che siano luoghi piacevoli da visitare e da amare per la bellezza che contengono. Vogliamo una comunità solidale ed accogliente. Un territorio curato e naturale; antico e moderno; isolato e connesso. Vogliamo servizi che facilitino la nostra vita e quella di chi verrà dopo di noi e che rendano piacevole visitare le nostre comunità e il nostro territorio. Vogliamo che chi ci viene a trovare possa apprezzare le persone, i luoghi e lo spirito che li pervade e possa conservare ricordi che lo spingano a tornare. Vogliamo creare un gruppo che inizi un percorso per realizzare questi nostri desideri".

Con queste parole si presenta l'associazione Casentino 2030, realtà nata durante la pandemia e che ha deciso di organizzare gli “Incontri del lunedì – Immaginare Casentino”, un webinar aperti a tutti in diretta Facebook, pensati per condividere esperienze, insegnamenti, riflessioni e buone pratiche al fine di identificare per il nostro territorio una nuova visione di sviluppo sostenibile, economico, sociale e culturale.

Nei mesi scorsi di febbraio e marzo, sono stati organizzati incontri con Luca Santini, presidente dell’ente Parco Foreste Casentinesi, Denise Vangelisti e Giovanni Basagni, due noti imprenditori della vallata che fanno parte dell’associazione Prospettiva Casentino, Luca D’Angelo, direttore Apt Dolomiti Paganella e Luca Martinelli, giornalista, autore del libro “L’Italia è bella dentro” dedicato alle aree interne del Paese.

Sono in programma per i prossimi mesi gli incontri con Andrea Speranzoni, avvocato penalista Foro Bologna, parte civile nei principali processi italiani per crimini nazifascisti (13 aprile), Gianfranco Pasquino, professore emerito di scienza politica e accademico dei Lincei (19 aprile), Luca Mercalli, meteorologo, climatologo e divulgatore scientifico noto al pubblico italiano per la sua partecipazione alla trasmissione “Che tempo che fa” (10 maggio), Elly Schleim, vicepresidente della Regione Emilia Romagna e Assessore al contrasto, alle disuguaglianze e transizione ecologica (24 maggio). Gli incontri si tengono alle 21 collegandosi alla pagina “Casentino 2030”.

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento