menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Screening per studenti e personale prima del rientro a scuola, i sindaci del Casentino: "Adesione all'85%"

I numeri della campagna “Rientro sicuro” promossa ed organizzata dai comuni casentinesi di Poppi, Pratovecchio-Stia, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Montemignaio, Talla, Chitignano e Bibbiena uniti contro il covid19 (non hanno aderito Chiusi della Verna e Ortignano Raggiolo)

Più di 2000 persone tra studenti di elementari e medie, docenti e personale scolastico, oltre 150 tra volontari e professionisti medici e infermieri, un’adesione che nel complesso ha superato l’85% e un solo caso positivo riscontrato (poi successivamente confermato dalle indagini fatte dalla Asl). Questi i numeri della campagna “Rientro sicuro” promossa ed organizzata dai comuni casentinesi di Poppi, Pratovecchio-Stia, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Montemignaio, Talla, Chitignano e Bibbiena uniti contro il covid19 (non hanno aderito Chiusi della Verna e Ortignano Raggiolo). Questi comuni hanno acquistato insieme tamponi rapidi antigenici da sottoporre ai bambini delle elementari e ai ragazzi al rientro dalle vacanze natalizie.

Si è trattato  di uno screening generalizzato, il primo in Casentino di queste dimensioni, a cui hanno aderito la maggioranza delle amministrazioni della vallata. I dispositivi medici - tamponi rapidi - sono stati acquistati in un’unica soluzione dal Comune di Bibbiena.  La somministrazione è stata organizzata invece in autonomia da ogni amministrazione ma in sostanza ha seguito le solite modalità con il coinvolgimento di medici e infermieri volontari, associazioni paesane e Misericordie e Croce Rossa e la collaborazione della Asl. Circa 150 persone hanno voluto prestare il loro aiuto logistico al progetto e insieme un appoggio all’idea stessa di un’operazione attivata per la tutela della salute dei ragazzi, delle loro famiglie e dei lavoratori, ma anche di protezione per le comunità.

Eleonora Ducci, sindaca di Talla e promotrice del percorso, commenta per tutti i sindaci: “E’ stata un’iniziativa importante, recepita e portata avanti con entusiasmo da amministrazioni e cittadini. I dati importanti non sono solo quelli legati all’adesione delle famiglie - che hanno dimostrato senso di responsabilità e di comunità - ma anche l’adesione di tanti professionisti della sanità e volontari. Il risultato è stato straordinario, ci sentiamo più forti come comunità casentinese dopo questa esperienza. Ringrazio tutti i miei colleghi”. I sindaci hanno preparato un cartellone in ricordo di queste giornate di solidarietà e senso di comunità in un momento difficile della storia mondiale. La mattinata si è conclusa con l'apposizione della firma di ognuno di loro sul cartellone ricordo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento