menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Poppi, la proposta: "Istituzione del Percorso Museale di Badia Prataglia e del Museo virtuale di Sassofratino"

Il gruppo consiliare di Poppi Cittadini in movimento si è fatto promotore e portavoce di un programma, volto a valorizzare, attraverso l’istituzione del Museo virtuale di Sassofratino, dell’importante località turistica casentinese

Preso atto della necessità di attuare un intervento volto a migliorare e riqualificare l’offerta turistica di Badia Prataglia e del resto del territorio comunale, il gruppo consiliare di Poppi Cittadini in movimento si è fatto promotore e portavoce di un programma, volto a valorizzare, attraverso l’istituzione del Museo virtuale di Sassofratino, del l’importante località turistica casentinese.

Con una mozione presentata nei giorni scorsi i consiglieri di opposizione delineano un percorso per valorizzare dal punto di vista turistico  il patrimonio ambientale della “riserva integrale (già dichiarata patrimonio dell’UNESCO).  L’esistenza a Badia dell’Ecomuseo del  Casentino con le sue antenne  hanno indotto il gruppo ad orientarsi e avvalorare sempre più la tesi della necessità di  presentare  una  mozione al Sindaco e alla giunta in  cui si chiede di  impegnare  gli organi competenti ad istituire il “Percorso Museale di Badia Prataglia”.
La creazione presso l’ex Cinema del “Museo virtuale di Sassofratino” e l’utilizzo della stessa struttura per la proiezione di documentari storici, ripercorrendo le tradizioni socio-culturali del nostro paese.

Il “Museo virtuale di Sassofratino” permetterà al turista di vivere un’esperienza unica nel suo genere entrando anche se solo virtualmente in una delle riserve integrali più interessanti del mondo.
La creazione del Concorso internazionale “L’anima del Bosco” implementerà un percorso all’interno del bosco in cui scultori ed artisti provenienti da varie parti del mondo realizzeranno le loro opere , creando un connubio spettacolare tra arte e natura saranno poi gli agenti atmosferici e naturali che porteranno lentamente l’opera a trasformarsi in un processo che condurrà inevitabilmente al matrimonio spirituale e naturale tra natura e uomo. 

L’istituzione di un concorso annuale per i vari artisti partecipanti permetterà al nostro museo di rinnovarsi continuamente in una sorta di rinascita che rispecchierà l’evoluzione naturale e il perenne mutamento della natura. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Zecchino d’Oro: aperti i casting online per la Toscana

  • Gossip Style

    Estate 2021, la moda delle perline colorate

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento