rotate-mobile
Casentino Poppi

Il Casentino scommette sul turismo e si mette in mostra

L'ambito turistico della vallata ha partecipato ad alcune delle più importanti fiere nazionali e internazionali come la Bit a Milano e la F.re.e a Monaco di Baviera

L’ambito turistico Casentino ha partecipato nel corso del mese di febbraio ad alcune delle piu’ importanti fiere nazionali e internazionali come la Bit a Milano e la F.re.e a Monaco di Baviera in collaborazione con Toscana Promozione Turistica. 

La Borsa Internazionale del Turismo si è svolta dal 4 al 6 febbraio e rappresenta il primo marketplace globale di riferimento per il prodotto Italia accogliendo quest’anno oltre 1100 espositori. L’evento offre un’ampia visione del futuro del turismo, abbracciando diverse culture e prospettive. 

Mentre con più di 160.000 visitatori e circa 900 espositori venuti da più di 60 paesi, la fiera F.re.e dal 14 al 18 febbraio, si è confermata la più grande fiera dei viaggi e del tempo libero della Baviera, coprendo tutte le aree di leisure e di mercato del viaggio e fornendo agli espositori un’opportunità di prima classe per presentare le loro offerte.

L’autenticità di un territorio immerso nella natura con i suoi sapori, profumi, luoghi nascosti ricchi di storia, arte e custodi delle tradizioni si conferma il punto di forza della valle del Casentino. 

I buyer incontrati alla Bit, provenienti dal Nord America, Francia, Europa del Nord e Italia, hanno posto particolare attenzione alle esperienze personalizzate che possono dare un valore aggiunto e nuovo alla proposta. L’ambito ha presentato infatti i prodotti turistici su cui sta lavorando, da qualche mese, con gli operatori del territorio verso un turismo sostenibile e consapevole.

“Il lavoro dell’ambito – sottolinea l’assessore del Comune di Poppi, capofila dell’Ambito Casentino, Riccardo Acciai - è un lavoro di gruppo, pubblico e privato uniscono le forze per migliorare l’attrattività e l’ospitalità. Le prime indicazioni sui dati turistici del 2023, da gennaio ad agosto, frutto di stime dell’Irpet, ci mostrano un trand positivo, soprattutto un incremento della componente internazionale. Il mercato nazionale sembra stabile, anche se il Casentino è uno dei pochi ambiti nel quale anche i mercati nazionali hanno recuperato e superato i dati pre covid. Ed è proprio dall’analisi di questi dati che il nostro sistema turistico dovrà partire, le sfide sono importanti, ma sono sicuro, che oggi, abbiamo gli strumenti per poter rispondere alle nuove esigenze che il mercato ci pone davanti. Le attività su cui stiamo concentrando le nostre forze nel progetto di ambito vogliono consolidare e rafforzare il sistema turistico riconoscendo il territorio e i suoi operatori come attori principali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Casentino scommette sul turismo e si mette in mostra

ArezzoNotizie è in caricamento