menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casa Partina è pronta: festa a Bibbiena per il dopo di noi di Stefano Tarchi e i suoi coinquilini

Casa Partina è un immobile di quasi 400 metri quadrati con un giardino di 600 metri. La gestione del cohousing è affidata alla cooperativa sociale Koinè in una logica di collaborazione con la Usl Toscana Sud Est, il Comune di Bibbiena e l'Unione dei comuni montani del Casentino

A luglio la presentazione, in questi mesi la sperimentazione. Ai primi del nuovo anno, attività a pieno regime. Casa Partina è ormai funzionante realtà. Il 29 novembre si ritroveranno, alle ore 18, nel teatro della frazione di Bibbiena (in via Rosi Scoti Franceschi) gli ospiti, le loro famiglie, i cittadini di Partina, gli operatori, Koinè, Usl e Comune di Bibbiena  Dialogo, chiacchere informali e merenda.

In questi mesi la sperimentazione ha coinvolto non solo Stefano Tarchi ma altre 5 persone, e conseguentemente le loro famiglie, che hanno potuto verificare il concreto funzionamento di questa originale esperienza.

I proprietari della casa, Lucia e Andrea Tarchi, hanno infatti donato la loro abitazione perché sia trasformata nel luogo di vita del loro figlio Stefano e di altri 5 disabili. Questo è stato possibile in base alla legge 112 del 2016, conosciuta come legge sul "dopo di noi". Il trust è uno strumento di protezione legale che consente ad una famiglia che ha un figlio disabile di garantirgli un futuro. Il genitore o la famiglia, infatti, possono destinare alcuni loro beni ad un fondo appositamente costituito, avendo la garanzia che questo patrimonio verrà utilizzato a beneficio del loro congiunto. E’ la prima normativa che riconosce specifiche tutele per i disabili dopo la perdita della famiglia o dei congiunti che si erano occupati di lui finché erano in vita.  La legge mira a garantire l'autonomia della persona disabile e consente alla famiglia e al soggetto del trust di lavorare insieme per assicurare la miglior riuscita del progetto di autonomia del disabile.

Casa Partina è un immobile di quasi 400 metri quadrati con un giardino di 600 metri. La gestione del cohousing è affidata alla cooperativa sociale Koinè in una logica di collaborazione con la Usl Toscana Sud Est, il Comune di Bibbiena e l'Unione dei comuni montani del Casentino. Agli ospiti che vivranno a Partina continueranno ad essere garantite le attività diurne che oggi sono svolte dai centri diurni Isola che non c’è a Bibbiena, Tangram a Rassina e Il Pesciolino rosso a Pratovecchio.

casa partina esterno-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dopo 25 anni torna la Carta dei Sentieri del Pratomagno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento